La serie B italiana approda in Austria, Germania e Svizzera

A dare l'annuncio è stata Helbiz Media.

30 Luglio 2021

L’annuncio di Helbiz Media

Helbiz Media, distributore esclusivo della Lega Serie B dei diritti media del Campionato di Serie BKT all’estero in tutto il mondo, ha annunciato che CLIQ Digital AG, società leader nello stile di vita digitale e fornitore di servizi di intrattenimento in streaming ai consumatori di tutto il mondo con accesso illimitato a musica, audiolibri, sport, film e contenuti di gioco, ha acquisito i diritti di trasmissione esclusiva per il campionato italiano di calcio di Serie BKT in Germania, Austria e Svizzera (regione DACH).

A partire dal 21 agosto 2021, gli abbonati saranno in grado di vedere in streaming le partite in alta definizione di un campionato formato da squadre importanti che lotteranno per la promozione in Serie A.  Infatti, il campionato di Serie BKT rappresenta una fucina di talenti, che solo poche settimane fa, ha visto molti di essi, protagonisti delle scorse stagioni, in Nazionale per la vittoria del Campionato Europeo.

©Foto Buzzi

ULTIME NOTIZIE:

©Getty ImagesJuve - Milan: Zlatan Ibrahimovic fa luce sulle sue condizioni
Juve - Milan: Zlatan Ibrahimovic fa luce sulle sue condizioni
©Getty ImagesGianluigi Buffon: decisione a sorpresa sul futuro
Gianluigi Buffon: decisione a sorpresa sul futuro
©Getty ImagesMauricio Pochettino riapre la porta a Gigio Donnarumma
Mauricio Pochettino riapre la porta a Gigio Donnarumma
©Getty ImagesSimeone prova a consolare Griezmann
Simeone prova a consolare Griezmann
©Getty ImagesGigi Buffon mette in guardia Gigio Donnarumma
Gigi Buffon mette in guardia Gigio Donnarumma
©Getty ImagesWalter Mazzarri:
Walter Mazzarri: "Poche parole e tanti fatti"
 
Liverpool-Milan 3-2, le pagelle
Malmoe-Juventus 0-3, le pagelle
Cristiano Ronaldo abbatte uno steward. Poi si scusa. Le foto
Europa League: le rivali delle italiane
Sampdoria-Milan 0-1, le pagelle
Udinese-Juventus 2-2, le pagelle
Psg, partitella d'allenamento stellare: le foto
Serie A tra ritorni e conferme: chi rischia di più?