Italia sciupona, l'Olanda la rimonta

Zaza non basta a Mancini: a Torino gli Orange pareggiano 1-1 nel finale dopo l'espulsione di Criscito.

4 Giugno 2018

L’Italia chiude la propria malinconica stagione del mancato accesso al Mondiale con un pareggio dolce-amaro nella terza ed ultima amichevole del ciclo di partite che ha segnato l’avvento in panchina di Roberto Mancini. All’”Allianz Stadium” finisce 1-1 contro l’Olanda, altra esclusa illustre da Russia 2018. Le indicazioni migliori però le raccoglie proprio Mancini, rispetto a Koeman. L’Italia infatti, in campo con 10/11 diversi rispetto alla squadra battuta in Francia, piace per tutto il primo tempo di fronte a un avversario rintanato nella propria metà campo e graziato dagli sprechi di Belotti (cui viene annullato un gol in apertura per fuorigioco) e Verdi.

Gli azzurri però calano sul più bello in avvio di ripresa, lasciando spazio agli attacchi comunque sterili degli Orange. La svolta a metà tempo: Mancini manda in campo Chiesa e Zaza per Verdi e Belotti e i due subentrati confezionano l’azione del vantaggio, siglato in scivolata da Zaza complice anche un rimpallo con Van Dijk. Sembra fatta, ma dopo pochi secondi la difesa azzurra è sorpresa da un taglio di Babel: Criscito lo abbatte al limite dell’area e viene espulso. Entra Bonucci per Insigne, ma non basta: gli assalti olandesi sbattono su Perin, punito però a tre dalla fine dal colpo di testa di Akè. Mancini scuote la testa, ma la strada è quella giusta.

©Getty Images

ARTICOLI CORRELATI:

©Getty ImagesVittoria e qualificazione per il Milan
Vittoria e qualificazione per il Milan
©Getty ImagesC'è una freccia in più all'arco di Sportal.it
C'è una freccia in più all'arco di Sportal.it
©Getty ImagesIl Marocco è in lacrime per Mohamed Abarhoun
Il Marocco è in lacrime per Mohamed Abarhoun
 
Alessia Pasqualon, la miss dei motori
Le foto di Susanna Canzian, nerazzurra da urlo.
Beatrice Bonfanti bella e atletica
Ekaterina, sexy ballerina