Euro 2016, rischio sicurezza per l’Italia

2 Marzo 2016

 A 100 giorni dal calcio d'inizio di Euro 2016, gli organizzatori per la prima volta hanno parlato mercoledì di possibili incontri a porte chiuse in relazione a minacce di attacchi terroristici. Il rischio peserà ovunque: su ogni partita, su ogni sede di ritiro o campo di allenamento, su ogni fan zone, dove saranno accalcati migliaia di tifosi per seguire i match sui maxischermi o far festa.
 
 L'Italia, come confermato oggi dalla relazione semestrale degli 007, è "sempre più esposta alla minaccia jihadista". E l'Ansa, a Parigi, ne ha avuto la conferma da una fonte della sicurezza internazionale: "Il rischio – ha spiegato – verrà valutato all'approssimarsi dell'inizio del torneo, il 10 giugno. Le condizioni saranno cambiate rispetto ad oggi, così come i rischi legati alla politica internazionale. L'Italia è data come un obiettivo potenzialmente in crescita".
 
La stessa fonte ha poi anticipato che nei ritiri e nei campi base saranno presenti uomini dei Gign e del Raid, le forze di sicurezza francese antiterrorismo.
©

ARTICOLI CORRELATI:

©Europei, Mancini si esprime su Zaniolo e Belotti
Europei, Mancini si esprime su Zaniolo e Belotti
©Europei posticipati: le parole di Infantino
Europei posticipati: le parole di Infantino
©Europei nel 2021, il commento di Agnelli
Europei nel 2021, il commento di Agnelli
 
Coppa Italia, Lazio ai quarti di finale: le foto del match
Juventus-Napoli 2-0, le pagelle
Inter-Juventus 2-0, le pagelle
Le pagelle di Lazio-Roma 3-0
Supercoppa alla Juve, le foto
Serie A: le foto di Roma-Inter 2-2