Fabio Aru lascia spazio agli specialisti

Il sardo ha spiegato che cosa c'è dietro la sua scelta di non partecipare al Mondiale di ciclocross.

Fabio Aru ha parlato dal ritiro della Qhubeka-Assos a Girona.

Sembrava tutto pronto per la partecipazione anche ai Mondiali di ciclocross dopo le gare di gennaio ma Fabio Aru alla fine ha deciso di farsi da parte.

Il ciclista sardo ne ha parlato dal ritiro della Qhubeka-Assos a Girona: "Ho fatto sei gare, è andato tutto molto bene, sono stato accolto bene, ma il Mondiale sarebbe troppo: io alla maglia azzurra ci tengo tantissimo, ma è giusto lasciare il posto a chi è più specialista di me e investe tutto l’anno in questa disciplina".

"È stata un’esperienza che mi ha permesso di ripartire e ne avevo veramente bisogno. Se tornassi indietro negli anni, la rifarei mille volte. Sono stato accolto dall’ambiente come neanche nei sogni. La maglia azzurra ha sempre il suo fascino, ho partecipato al ritiro ad Ardea con i più forti, con Bertolini e Dorigoni che tecnicamente sono dei gatti, e queste settimane mi hanno lasciato tanto. Non aveva senso partecipare al Mondiale, ma dico grazie al ciclocross che mi ha permesso di rimettere il numero sulla schiena, di ritrovare tanta serenità e di presentarmi qui al training camp con una buonissima condizione. Tiferò per gli azzurri davanti alla televisione", ha annunciato Aru.

©Getty Images

ARTICOLI CORRELATI:

©Getty ImagesLa Tirreno-Adriatico stuzzica Tadej Pogacar
La Tirreno-Adriatico stuzzica Tadej Pogacar
©Getty ImagesMathieu van der Poel ha vinto la Strade Bianche
Mathieu van der Poel ha vinto la Strade Bianche
©Getty ImagesStrade Bianche donne a Chantal van Den Broek-Blaak
Strade Bianche donne a Chantal van Den Broek-Blaak
 
Juventus-Lazio 3-1, le pagelle
Parma-Inter 1-2, le foto della vittoria nerazzurra
Genoa-Sampdoria, le foto del derby della Lanterna
Sassuolo-Napoli, le foto del pirotecnico 3-3
Juventus-Spezia 3-0, le pagelle
Roma-Milan 1-2, le pagelle