C da fermare subito, lo dice Milanese

"I club sono aziende destinate al fallimento, fatta eccezione per chi ha le spalle larghe" osserva l'ex calciatore.

9 Novembre 2020

Mauro Milanese, amministratore unico della Triestina, non ha dubbi. "Credo che sarebbe sensato fermare tutto per ripartire senza commettere gli errori fatti dopo il primo lockdown – dice al Piccolo -. Penso che uno stop and go potrebbe essere utile in generale, perché la salute viene prima di tutto. Nel caso delle società di C una pausa di qualche settimana penso sia una soluzione auspicabile".

"Il buon senso ci dice di fermarci, perché i 60 club da febbraio praticamente non incassano un euro. Sono aziende destinate al fallimento, fatta eccezione per chi ha le spalle larghe come noi grazie a Mario Biasin. Ma non si possono chiedere ancora sacrifici senza prospettive. Non perdiamo questo tempo come fatto in passato" aggiunge l’ex calciatore di Torino, Napoli, Parma e Inter.

©Us Triestina

ARTICOLI CORRELATI:

©Us TriestinaPierino Prati: splendida iniziativa per ricordarlo
Pierino Prati: splendida iniziativa per ricordarlo
©Us TriestinaSplendida iniziativa per ricordare il grande Pierino Prati
Splendida iniziativa per ricordare il grande Pierino Prati
©Us TriestinaGervinho spiega perché a Parma è esploso
Gervinho spiega perché a Parma è esploso
 
Alessia Pasqualon, la miss dei motori
Le foto di Susanna Canzian, nerazzurra da urlo.
Beatrice Bonfanti bella e atletica
Ekaterina, sexy ballerina