Boni: "Parma, è destino..."

21 Dicembre 2015

Ultima puntata del 2015 con la rubrica di Enrico Boni: "Il Parma ha rischiato seriamente di perdere la sua prima partita, ma è destino che quest'anno vada tutto bene".
 
"La mancata sconfitta ha un nome e un cognome: Daniele Melandri, ex Forlì, che lo scorso anno segnò 12 gol. Quest'estate era partito bene, anche nelle amichevoli, poi ha avuto un periodo di flessione, ora è esploso", analizza il noto opinionista tifoso nella sua rubrica in esclusiva per Sportal.it.
 
"Il primo gol è di furbizia, è sempre pronto ad approfittare degli errori degli avversari e quando il portiere ne ha commesso uno ha piazzato la zampata. Il secondo è un capolavoro, una delle reti più belle che abbia mai visto: su un cross dalla destra, sporcato da Lauria, si è girato spalle alla porta al limite dell'area con un gran controllo nello stretto e l'ha messa a mezza altezza nell'angolo opposto. Da brividi".
 
"La Sammaurese meritava la vittoria - conclude Boni -. Se il Parma fosse sempre quello visto domenica ci sarebbe da preoccuparsi ma questo pareggio lascia comunque sette punti di margine al giro di boa ed è positivo, fa capire di non prendere sottogamba gli avversari, cosa che comunque Apolloni non ha mai fatto".
©

ARTICOLI CORRELATI:

©Zlatan Ibrahimovic, il rientro slitta ancora
Zlatan Ibrahimovic, il rientro slitta ancora
©Cesare Prandelli, ci mancava solo il Covid-19
Cesare Prandelli, ci mancava solo il Covid-19
©Gervinho spiega perché a Parma è esploso
Gervinho spiega perché a Parma è esploso
 
Alessia Pasqualon, la miss dei motori
Le foto di Susanna Canzian, nerazzurra da urlo.
Beatrice Bonfanti bella e atletica
Ekaterina, sexy ballerina