Spal, le cessioni prima dell'assalto a Pavoletti

L'attaccante del Napoli non è più un sogno ma Vagnati deve prima piazzare 4 giocatori.

Mentre si fa più reale il sogno Leonardo Pavoletti, ormai fuori dal progetto del tecnico del Napoli Maurizio Sarri e seguito oltre che dai ferraresi da Benevento, Crotone e Verona, la Spal conta di chiudere quanto prima il fronte cessioni.

Prima di tentare l’assalto all’attaccante azzurro il ds Vagnati, con un occhio all’equilibrio di bilancio, deve piazzare quattro giocatori ancora a libro paga: i portieri Marchegiani e Branduani, il difensore Gasparetto (cercato dall’Avellino) e il centrocampista Bellemo, tutti a disposizione di mister Semplici ma senza prospettive di utilizzo nel campionato di serie A.

Per Pavoletti Vagnati conta di sfruttare gli ottimi rapporti instaurati con il Napoli dopo l’arrivo in biancazzurro di Alberto Grassi. Non mancano in ogni caso le alternative, da Djordjevic e Mchedlidze, da Matos a De Vincenti.

 

ARTICOLI CORRELATI:

Milan, Leonardo pronto a lasciare
Milan, Leonardo pronto a lasciare
Barcellona, a rischio la conferma di Valverde
Barcellona, a rischio la conferma di Valverde
Gasperini chiede garanzie all'Atalanta per restare
Gasperini chiede garanzie all'Atalanta per restare
Spalletti promette grandi rivelazioni
Spalletti promette grandi rivelazioni
La Spal chiede a Semplici di restare
La Spal chiede a Semplici di restare
Fiorentina, Commisso può rivoluzionare la dirigenza
Fiorentina, Commisso può rivoluzionare la dirigenza
Tare non blinda Luis Alberto e Milinkovic-Savic
Tare non blinda Luis Alberto e Milinkovic-Savic
Balotelli saluta Marsiglia, Brescia sogna
Balotelli saluta Marsiglia, Brescia sogna
Da Commisso un messaggio a Fiorentina e tifosi
Da Commisso un messaggio a Fiorentina e tifosi
 
Beatrice Bonfanti mantiene la promessa
L'altra Belén sfida la Rodriguez
Luciana, juventina senza limiti
Ashley Vee ha un sogno a quattro ruote
Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia
Fabiana Britto rossonera da urlo
Milca Gili: una 'diavoletta' perfetta
Le bellezze dell'EICMA 2018
Diletta Leotta