Arrivabene fissa l'obiettivo per il 2019

Mentre Leclerc dichiara: "Il feelling con la Ferrari è incredibile".

arrivabene

Maurizio Arrivabene ha voluto fissare l’obiettivo per la prossima stagione: “Quest’anno abbiamo perso in semifinale, l’anno prossimo vogliamo arrivare in finale”.

“Ho visto il modello della macchina 2019 - ha continuato il direttore della Scuderia Ferrari in occasione della premiazione dei Caschi d’oro 2018 - c’è ancora molto da lavorare, anche per le modifiche alla macchina. Vedremo in seguito”.

Alla premiazione era presente anche Leclerc: “La Ferrari è una macchina incredibile da guidare. E’ stata un’emozione particolare salire sulla Rossa per la prima volta come pilota ufficiale. La Ferrari è sempre stata la macchina che guardavo quando ero bambino”.

Sui test di Abu Dhabi: “Il feeling con la vettura era incredibile. Vettel? E’ un grande pilota, posso imparare molto da lui. La prima gara in Australia? E’ difficile avere delle aspettative. Ma sono convinto di farmi trovare pronto e spero di ottenere il miglior piazzamento possibile”.

ARTICOLI CORRELATI:

Alonso-F1: non è finita
Alonso-F1: non è finita
Vettel:
Vettel: "Faremo bene in Francia"
GP Canada: la Ferrari presenta istanza di revisione
GP Canada: la Ferrari presenta istanza di revisione
Alonso non scarta il grande ritorno in Ferrari
Alonso non scarta il grande ritorno in Ferrari
La Ferrari fa retromarcia: niente appello
La Ferrari fa retromarcia: niente appello
Vettel penalizzato, la Ferrari presenta ricorso
Vettel penalizzato, la Ferrari presenta ricorso
Mattia Binotto snobba Toto Wolff
Mattia Binotto snobba Toto Wolff
Vettel:
Vettel: "Decisione assurda"
Hamilton:
Hamilton: "Vettel ha commesso un errore"
 
Le foto piu' belle di Camila Giorgi
Kinsey Wolansky, la star della finale di Champions League
Beatrice Bonfanti mantiene la promessa
L'altra Belén sfida la Rodriguez
Luciana, juventina senza limiti
Ashley Vee ha un sogno a quattro ruote
Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia
Fabiana Britto rossonera da urlo
Milca Gili: una 'diavoletta' perfetta