Jean Todt dà ragione alla Mercedes

"Quando c'è una strategia fattibile per vincere va usata" dice il presidente della Fia.

Todt

Jean Todt dà ragione alla Mercedes per l’ormai famosa vicenda dell’ordine di scuderia di Sochi che ha portato Valtteri Bottas a dare strada al compagno di squadra Lewis Hamilton. "Quando c’è una strategia fattibile per vincere va usata. Perché le regole lo consentono. Non capisco la polemica che è nata attorno a questa vicenda" osserva l’attuale presidente della Fia.

"E’ una visione negativa pensare che l’immagine della Formula 1 ne risenta: voi giornalisti spesso vedete le cose in modo negativo. Io vedo la cosa in positivo: questa è la differenza. Mi spiego: il fatto che la Mercedes l’abbia detto chiaramente, è una cosa positiva. Un team che prende una decisione e sceglie di comunicarlo con franchezza mi sembra una cosa giusta, vista dall’esterno" aggiunge il francese, già a capo della Ferrari, come si legge su ‘Autosprint’.

"E’ successo anche a me di prendere decisioni così scomode, e non solo con Barrichello e ne ho sofferto" ha aggiunto Todt.


ARTICOLI CORRELATI:

Vettel avvisa:
Vettel avvisa: "In Austria qualifiche decisive"
Doppia penalità per Ricciardo: da settimo a undicesimo
Doppia penalità per Ricciardo: da settimo a undicesimo
Binotto:
Binotto: "Stiamo migliorando"
Vettel:
Vettel: "Non siamo abbastanza forti"
Leclerc:
Leclerc: "Ho dato tutto"
Hamilton giura:
Hamilton giura: "Non è stato facile"
Hamilton senza rivali, Leclerc sul podio
Hamilton senza rivali, Leclerc sul podio
Vettel:
Vettel: "Non c'è feeling"
Hamilton in pole in Francia, male le Ferrari
Hamilton in pole in Francia, male le Ferrari
 
Il ritorno di Larissa Riquelme: le foto
Le foto più belle di Elina Svitolina
Le foto piu' belle di Camila Giorgi
Kinsey Wolansky, la star della finale di Champions League
Beatrice Bonfanti mantiene la promessa
L'altra Belén sfida la Rodriguez
Luciana, juventina senza limiti
Ashley Vee ha un sogno a quattro ruote
Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia