Nainggolan: "Fumo, ma non sono l'unico..."

"Una volta è perché bevo, poi perché fumo, poi perché non sono concentrato o faccio ritardo".

Nainggolan

Nainggolan è tornato a parlare del suo tribolato rapporto con la nazionale, dopo l'ultima mancata convocazione.

"Avevo pensato di dire addio alla Nazionale, poi parlando con il direttore Monchi ho deciso di essere disponibile. Lui mi ha detto: 'Devi giocare il Mondiale'. E io vorrei farlo, anche se comincio a temere che sarà difficile e mi dispiacerebbe tanto saltare la seconda coppa del mondo di fila. Insieme alla Champions, è la cosa più bella che c'è".

Ma farà discutere anche e soprattutto la seconda parte dell'intervista a hln.be: "Sono un giocatore che da sempre il 120% e una persona disponibile con tutti. Non sono un ribelle. Fumo, è vero. Una volta è perché bevo, poi perché fumo, ma non sono l'unico, poi perché non sono concentrato o faccio ritardo, ma anche in questo caso non sono l'unico a tardare un minuto. Sono sempre cose extra sportive che mi fanno saltare la nazionale".

ARTICOLI CORRELATI:

Spalletti:
Spalletti: "Ci è andata bene, male davanti"
Modric riporta il Real Madrid sul podio
Modric riporta il Real Madrid sul podio
Inter-Sassuolo: Pagelloide nerazzurro
Inter-Sassuolo: Pagelloide nerazzurro
L'Inter delude i bambini: Sassuolo indenne
L'Inter delude i bambini: Sassuolo indenne
Psg da record, ma in ansia per Verratti
Psg da record, ma in ansia per Verratti
Chelsea ancora battuto, Sarri è una furia
Chelsea ancora battuto, Sarri è una furia
Nicola:
Nicola: "Sconfitti per dei dettagli"
Il Brescia vola: Palermo braccato
Il Brescia vola: Palermo braccato
D'Aversa fa un monumento a Gervinho
D'Aversa fa un monumento a Gervinho
 
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia
Fabiana Britto rossonera da urlo
Milca Gili: una 'diavoletta' perfetta
Le bellezze dell'EICMA 2018
Diletta Leotta
Lauren Summer
Georgina, la musa di Cristiano Ronaldo
Tawny Jordan
Aida Yespica
Arlenis Sosa
Ginevra Lambruschi