Inter, le chiavi del successo

Pressing alto sui portatori di palla, attacco degli spazi anche nella metà campo avversaria, conclusioni a rete dalla lunga e media distanza. Sono queste le tre chiavi tattiche che hanno consentito all'Inter di superare la Juventus (2-1) aggiudicandosi il Derby d’Italia.

Loading...

L’undici guidato da De Boer ha prevalso nel possesso palla (51%contro il 49% dei bianconeri). Il margine si è ampliato vertiginosamente considerando l’articolazione della manovra di gioco nella metà campo avversaria: i nerazzurri hanno collezionato il 52% (14’09’’) contro il solo 40% (10’28’’) della squadra di Allegri. Un’impostazione tattica, questa, che per il tecnico olandese è risultata essere vincente: la sua compagine infatti ha doppiato gli avversari per quanto concerne i recuperi sui portatori di palla (20 contro 11) mettendo inoltre in evidente difficoltà il fulcro del gioco bianconero (46 palloni perduti). In fase di interdizione fondamentale è stato il lavoro svolto da Medel (4 recuperi, primato del match) e dal duo Banega-Candreva (3 recuperi ciascuno). Di contro sono gli juventini Khedira e Sandro ad aver collezionato il maggior numero di palloni perduti (7 ciascuno), seguiti da Asamoah e Dybala (6 per entrambi).

In fase offensiva l’Inter è andata al tiro in 13 occasioni (contro i 7 dei bianconeri). In totale gli attacchi nerazzurri sono stati 24 (contro i 16 della Juventus). La compagine allenata da De Boer ha prediletto gli inserimenti per vie centrali (10) e la corsia di sinistra (9). Minore spinta propulsiva si è registrata lungo l’out destro (5). Eder (3) ha prevalso rispetto a Candreva (2) per quanto concerne il numero di cross totalizzati. I due esterni, invece, si equivalgono per occasioni da goal create (1), conclusioni a rete (1), tiri fuori su azione (2). Il numero 87 nerazzurro, però, ha primeggiato nelle performance chilometriche-velocistiche (totale km 11,936 dei quali 3,264 Jog 7,008 Run e 1,664 Sprint).

Lo rileva il Report n. 13/2016 elaborato da Osservatorio Calcio Italiano.

Icardi è stato assoluto protagonista della manovra d’attacco nerazzurra: l’argentino ha totalizzato 3 occasioni goal a fronte di due tiri nello specchio della porta difesa da Buffon che gli sono valsi una marcatura. Il numero 9 si è contraddistinto anche in fase di assist (2) dimostrando peraltro un’ottima tenuta atletica (totale km 10,055 dei quali 3,393 Jog 5,758 Run e 0,904 Sprint). Ottimo l’apporto offensivo fornito anche da Perisic il quale ha collezionato 2 occasioni da rete, altrettante conclusioni a rete ed una marcatura.

ARTICOLI CORRELATI:

Il Frosinone alza bandiera bianca
Il Frosinone alza bandiera bianca
Fabrizio Corsi s'aggrappa a un precedente
Fabrizio Corsi s'aggrappa a un precedente
Un ex stende l'Entella, il Piacenza vede la B
Un ex stende l'Entella, il Piacenza vede la B
L'Ascoli progetta la scalata
L'Ascoli progetta la scalata
Penalizzazioni per tre in C
Penalizzazioni per tre in C
Dieci squalificati in Serie A
Dieci squalificati in Serie A
Inzaghi ha la ricetta per ripartire
Inzaghi ha la ricetta per ripartire
'Labirinto' torna con un Abete pungente
'Labirinto' torna con un Abete pungente
Serie B, gli squalificati
Serie B, gli squalificati
 
L'altra Belén sfida la Rodriguez
Luciana, juventina senza limiti
Ashley Vee ha un sogno a quattro ruote
Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia
Fabiana Britto rossonera da urlo
Milca Gili: una 'diavoletta' perfetta
Le bellezze dell'EICMA 2018
Diletta Leotta
Lauren Summer