Inter, le chiavi del successo

Pressing alto sui portatori di palla, attacco degli spazi anche nella metà campo avversaria, conclusioni a rete dalla lunga e media distanza. Sono queste le tre chiavi tattiche che hanno consentito all'Inter di superare la Juventus (2-1) aggiudicandosi il Derby d’Italia.

L’undici guidato da De Boer ha prevalso nel possesso palla (51%contro il 49% dei bianconeri). Il margine si è ampliato vertiginosamente considerando l’articolazione della manovra di gioco nella metà campo avversaria: i nerazzurri hanno collezionato il 52% (14’09’’) contro il solo 40% (10’28’’) della squadra di Allegri. Un’impostazione tattica, questa, che per il tecnico olandese è risultata essere vincente: la sua compagine infatti ha doppiato gli avversari per quanto concerne i recuperi sui portatori di palla (20 contro 11) mettendo inoltre in evidente difficoltà il fulcro del gioco bianconero (46 palloni perduti). In fase di interdizione fondamentale è stato il lavoro svolto da Medel (4 recuperi, primato del match) e dal duo Banega-Candreva (3 recuperi ciascuno). Di contro sono gli juventini Khedira e Sandro ad aver collezionato il maggior numero di palloni perduti (7 ciascuno), seguiti da Asamoah e Dybala (6 per entrambi).

In fase offensiva l’Inter è andata al tiro in 13 occasioni (contro i 7 dei bianconeri). In totale gli attacchi nerazzurri sono stati 24 (contro i 16 della Juventus). La compagine allenata da De Boer ha prediletto gli inserimenti per vie centrali (10) e la corsia di sinistra (9). Minore spinta propulsiva si è registrata lungo l’out destro (5). Eder (3) ha prevalso rispetto a Candreva (2) per quanto concerne il numero di cross totalizzati. I due esterni, invece, si equivalgono per occasioni da goal create (1), conclusioni a rete (1), tiri fuori su azione (2). Il numero 87 nerazzurro, però, ha primeggiato nelle performance chilometriche-velocistiche (totale km 11,936 dei quali 3,264 Jog 7,008 Run e 1,664 Sprint).

Lo rileva il Report n. 13/2016 elaborato da Osservatorio Calcio Italiano.

Icardi è stato assoluto protagonista della manovra d’attacco nerazzurra: l’argentino ha totalizzato 3 occasioni goal a fronte di due tiri nello specchio della porta difesa da Buffon che gli sono valsi una marcatura. Il numero 9 si è contraddistinto anche in fase di assist (2) dimostrando peraltro un’ottima tenuta atletica (totale km 10,055 dei quali 3,393 Jog 5,758 Run e 0,904 Sprint). Ottimo l’apporto offensivo fornito anche da Perisic il quale ha collezionato 2 occasioni da rete, altrettante conclusioni a rete ed una marcatura.


ARTICOLI CORRELATI:

Barça, Messi:
Barça, Messi: "In testa ho 25 anni ma il fisico è diverso"
Murgia:
Murgia: "La Spal è una famiglia"
Juve, rientrano in tre. Douglas Costa ancora a parte
Juve, rientrano in tre. Douglas Costa ancora a parte
Scontro Insigne-Ancelotti, interviene Raiola
Scontro Insigne-Ancelotti, interviene Raiola
Hernandez già convinto da Pioli
Hernandez già convinto da Pioli
Sanchez si è operato, tempi di recupero lunghi
Sanchez si è operato, tempi di recupero lunghi
Incidente in auto per Aguero: illeso
Incidente in auto per Aguero: illeso
Lecce, da Barcellona arriva un invito speciale
Lecce, da Barcellona arriva un invito speciale
Nainggolan, nuova frecciata all'Inter
Nainggolan, nuova frecciata all'Inter
 
Grid Girls: Paula Gomez Ruiz e Irina Morales Urbano
Grid Girls: Alice Brivio
Grid Girls:  Camilla Bello' e Alessia Puccia
Grid Girls: Giulia Zanellato
Grid Girls: Lara Arluni e Neneh Riemeijer
Grid Girls: Jennifer Ciancio e Lucia Cossu
Grid Girls: Valeria Paniconi
Grid Girls: Giorgia Capaccioli
Claudia Nargi
Le foto più belle di Agustina Gandolfo
Il ritorno di Larissa Riquelme: le foto
Le foto più belle di Elina Svitolina