Gilardino assicura: "La B non è una sconfitta"

"Sono molto felice di essere allo Spezia", dice l'attaccante, che ha per il momento accantonato l'obiettivo 200 gol in A.

Alberto Gilardino, neo attaccante dello Spezia, parla del suo approdo nella formazione ligure ai microfoni di Mediaset.

"Sono molto felice di essere qui. C’è stata questa opportunità dopo alcuni mesi di corteggiamenti da parte del patron Volpi e dell’amministratore delegato Micheli. Li ringrazio perché mi hanno aspettato. Per me scendere di categoria non è sconfitta, ho grande voglia e sono stimolato da questa sfida. L’obiettivo è raggiungere i 200 gol in Serie A con questa maglia? Non diciamo niente, per ora non voglio neanche pensarci. La Serie B è un campionato difficile, bisognerà correre, lavorare e sudare tanto e dovremo pensare alla salvezza. Nel momento in cui la raggiungeremo vedremo cosa succederà. L’Italia di Ventura? E’ una squadra giovane, Ventura sta dando un’idea di gioco particolare. Ci vorrà del tempo per assimilare tutti i concetti ma io ci credo perché la nostra Nazionale ha delle qualità notevoli e faccio un grande in bocca al lupo agli Azzurri: speriamo che vada tutto per il meglio".

"Napoli da Scudetto - ha aggiunto -? Speriamo che il campionato sia combattuto fino alla fine. Per un anno sarebbe bello vedere una lotta tra due o tre squadre fino alla fine. Il Napoli sta dando continuità al lavoro di Sarri e ha dei giocatori tecnicamente fenomenali, la Juventus è una macchina da guerra: sarà una bellissima lotta fino alla fine. Mertens prima punta? E’ stato bravo lui ad adattarsi ma ancora di più Sarri a metterlo in quella posizione: può giocare ovunque con la qualità che ha, penso che sia diventato indispensabile per il Napoli. Milan in difficoltà? Ci sono dei momenti difficili, hanno investito tanto e ci vorrà tempo prima che il Milan torni quello di una volta, però credo e spero per loro che possano fare grandi cose come quando io ho vestito quella maglia. Il VAR? Credo che se la si usi nel modo giusto possa servire. La maglia numero 10? L’ho indossata una volta sola nella stagione al Bologna che è stata una stagione importante per me. Era disponibile e l’ho presa, non ha un significato particolare ma è un ricordo speciale di quell’annata a Bologna. L’obiettivo personale? Come prima cosa voglio arrivare al top della condizione per poter giocare 90 minuti. Poi voglio fare gol, ovviamente ma per riuscirci avrò bisogno dei miei compagni. Non vedo l’ora di iniziare e di mettermi alla prova. Un attaccante italiano che più in cui mi rivedo? Belotti e Immobile stanno stupendo, si sono affermati in questi anni, sono giocatori incredibili. Mi piace molto anche Inglese, ha tutto fisicamente, è forte di testa e coi piedi: è un giocatore di grande prospettiva. La sorpresa del campionato?Mi sta stupendo la Lazio di Inzaghi. Gioca un bellissimo calcio, è una squadra organizzata: faccio i complimenti al mister".

ARTICOLI CORRELATI:

D'Aversa fa un monumento a Gervinho
D'Aversa fa un monumento a Gervinho
Gervinho irresistibile, Parma da Europa
Gervinho irresistibile, Parma da Europa
De Canio, l'esonero bis è quello giusto
De Canio, l'esonero bis è quello giusto
Di Francesco fa la diagnosi di Under
Di Francesco fa la diagnosi di Under
Roma-Torino: Pagelloide giallorosso
Roma-Torino: Pagelloide giallorosso
Walter Mazzarri ne ha per tutti
Walter Mazzarri ne ha per tutti
Zaniolo fa grande la Roma, Toro domato
Zaniolo fa grande la Roma, Toro domato
Roma-Torino: Pagelloide granata
Roma-Torino: Pagelloide granata
Baroni:
Baroni: "Mercato? Se ne stanno occupando..."
 
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia
Fabiana Britto rossonera da urlo
Milca Gili: una 'diavoletta' perfetta
Le bellezze dell'EICMA 2018
Diletta Leotta
Lauren Summer
Georgina, la musa di Cristiano Ronaldo
Tawny Jordan
Aida Yespica
Arlenis Sosa
Ginevra Lambruschi