Europei in vasca corta, l'Italia chiude in bellezza

Nell'ultima giornata gli Azzurri vincono addirittura tre medaglie d'oro e un argento, chiudendo a quota diciassette metalli con cinque ori, otto argenti e quattro bronzi) e sono leader della classifica per Nazioni (primo nel settore femminile e secondi in quello maschile dietro alla Russia).

Dotto

Si chiude in bellezza la spedizione italiana alla 19esima edizione degli Europei in vasca corta alla Royal Arena di Copenaghen.

Nell'ultima giornata gli Azzurri vincono addirittura tre medaglie d'oro e un argento, chiudendo a quota diciassette metalli con cinque ori, otto argenti e quattro bronzi) e sono leader della classifica per Nazioni (primo nel settore femminile e secondi in quello maschile dietro alla Russia); terzi nel medagliere dopo Russia e Ungheria, secondi per numero di medaglie dietro alla Russia.

Si vola con Luca Dotto e Marco Orsi, che griffano i 100 stile libero e i 100 misti. Sono i campionati di un rigenerato Dotto (Carabinieri/Larus Nuoto), che si regala la medaglia più bella vincendo l'oro nella gara regina i 100 stile libero dominati in 46"11 (passaggio 22"00). Lo sprinter di Caposampiero, argento a Stettino 2011 e bronzo nei 100 a Eindhoven nel 2010 alla decima medaglia in generale, riceve il il testimone da Orsi, primatista italiano e campione uscente a Netanya 2015, e sbaraglia la concorrenza con il belga Pieter Timmers secondo in 46"54 e l'inglese Duncan Scott terzo in 46"64.

L'allievo di Claudio Rossetto, che conquista il sessantesimo oro della spedizione azzurra nella storia, si assesta come secondo miglior performer italiano di sempre scavalcando Filippo Magnini e stabilendo la terza prestazione italiana all time. Neanche il tempo di un amen e Marco Orsi (Fiamme Oro Roma/Uisp Bologna) sale sul blocco n.5 forte del record italiano e secondo tempo delle semifinali. Il bomber che lo scorso 11 dicembre ha compiuto ventisette anni, allenato da Roberto Odaldi, vola a 51"76 (passaggio 23"31) rimontando nello stile libero il russo Fesikov che deve cedere allo sprint con 51"94.

La tripletta d'oro arriva nell'ultima gara individuale con Simone Sabbioni, già argento nei 100 con primato italiano (49''68), che sgasa come nei tempi migliori e vince i 50 dorso in 23"05, abbassando di un centesimo il suo primato italiano fatto lo scorso 2 dicembre a Riccione.

ARTICOLI CORRELATI:

Al-Attiyah padrone della Dakar
Al-Attiyah padrone della Dakar
Volley, l'Italia pesca Francia e Bulgaria
Volley, l'Italia pesca Francia e Bulgaria
Sbaglia sport, squalificato
Sbaglia sport, squalificato
La Powervolley chiarisce su Ivan Zaytsev
La Powervolley chiarisce su Ivan Zaytsev
Le trote marmorate invadono l'Adige
Le trote marmorate invadono l'Adige
Milano schianta Modena nella partita dei record
Milano schianta Modena nella partita dei record
Lollobrigida di bronzo, pattinaggio nella storia
Lollobrigida di bronzo, pattinaggio nella storia
Cremona come Gedda: arriva il flash mob
Cremona come Gedda: arriva il flash mob
Volley, Piccinini: 40 anni e un sogno
Volley, Piccinini: 40 anni e un sogno
 
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia
Fabiana Britto rossonera da urlo
Milca Gili: una 'diavoletta' perfetta
Le bellezze dell'EICMA 2018
Diletta Leotta
Lauren Summer
Georgina, la musa di Cristiano Ronaldo
Tawny Jordan
Aida Yespica
Arlenis Sosa
Ginevra Lambruschi