Coppa Davis, cambia tutto

La Federazione internazionale stravolge il format della storica gara a squadre per Nazionali.

tennis

Rivoluzione nel tennis mondiale: a cambiare pelle è la competizione più antica del mondo, la Coppa Davis. Dal 2019 addio al vecchio format a favore di una formula più snella, che vedrà l’introduzione del sistema delle “Finals” e che si svilupperà nel corso di appena una settimana.

Al via ci saranno 18 nazionali, divise in sei gironi da tre all'italiana: quarti di finale, semifinali e finale si svolgeranno in un'unica location europea. Ogni gara si disputerà al meglio delle tre partite, due singolari e un doppio, tutte al meglio dei tre set ed è previsto anche un sistema di punteggio mutuato dal volley e volto ad evitare possibili “combine” all’ultima giornata: perdere 3-0 assegnerà zero punti, per 2-1 un punto.

Le Finals 2019 si giocheranno presso lo stadio "Pierre-Mauroy" di Lille. Per la nuova Coppa Davis la Federazione internazionale ha avviato una partnership di 25 anni con Kosmos, gruppo di investimenti fondato e presieduto dal difensore del Barcellona Gerard Piqué 

ARTICOLI CORRELATI:

Fognini accontentato: non va in India
Fognini accontentato: non va in India
La Croazia ha vinto la Coppa Davis
La Croazia ha vinto la Coppa Davis
L'Italia ricomincia sull'erba
L'Italia ricomincia sull'erba
Fognini:
Fognini: "Sprecate tante chance"
Perde anche Fognini, Italia eliminata
Perde anche Fognini, Italia eliminata
Coppa Davis, Fognini vince e pareggia i conti
Coppa Davis, Fognini vince e pareggia i conti
Coppa Davis, Fognini porta l'Italia ai quarti
Coppa Davis, Fognini porta l'Italia ai quarti
Coppa Davis, Italia ok nel doppio
Coppa Davis, Italia ok nel doppio
Fognini vince, Seppi no: 1-1
Fognini vince, Seppi no: 1-1
 
Beatrice Bonfanti mantiene la promessa
L'altra Belén sfida la Rodriguez
Luciana, juventina senza limiti
Ashley Vee ha un sogno a quattro ruote
Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia
Fabiana Britto rossonera da urlo
Milca Gili: una 'diavoletta' perfetta
Le bellezze dell'EICMA 2018
Diletta Leotta