Eurolega, trionfa il Cska Mosca

Russi sul trono d'Europa grazie al 91-83 sull'Efes Istanbul.

eurolega

Il trionfo del Cska Mosca. Dopo tante delusioni e rimonte clamorose subite, è tempo di fare grande festa per la squadra di Itoudis, campione d’Europa 2019. Un successo meritatissimo (91-83), arrivato al termine di una partita sempre comandata, molto spesso in doppia cifra, con il contributo di tanti giocatori: da Clyburn (MVP delle Final Four) a Higgins, da De Colo a Hines, così come il nostro Daniel Hackett (7 punti e 5 assist), al suo primo trionfo continentale. Il sogno dell’Anadolu Efes Istanbul si è fermato in finale, ma grandi applausi alla truppa di Ataman, che non ha mai mollato ed ha provato a far tremare i russi fino alla fine, guidata da uno strepitoso Larkin e nonostante la giornata sottotono di Micic e Moerman.

L’avvio della partita è spettacolare, con continui botta e riposta tra le due squadre e la coppia Anderson-Kurbanov protagonista, poi i turchi non trovano più la via del canestro e gli uomini di Itoudis ne approfittano. Si scalda Clyburn, trova la tripla anche Hackett e Higgins firma la prima doppia cifra di vantaggio (17-29 al 9’), con i russi anche a +14 in avvio di secondo periodo. I rimbalzi d’attacco dell’Efes cambiano l’inerzia del match, arrivano cinque punti in fila di Simon e tre liberi di Larkin, praticamente sulla sirena, riaprono tutti i giochi all'intervallo lungo (42-44 al 20’).

L’ex milanese apre la ripresa con la tripla del sorpasso, ma il Cska risponde immediatamente e torna davanti con Clyburn, mentre non paga il rischio di Ataman, con Dunston che commette il quarto fallo prima della metà del terzo periodo. Hines e Higgins riallungano, poi è ancora il numero 21 a piazzare il canestro pesante della nuova doppia cifra di vantaggio russa (52-63 al 27’), prima di un nuovo +14. I turchi trovano un buon finale di periodo e fanno un po’ di paura agli avversari, con un’altra giocata sulla sirena di Larkin, tornando anche a -4 in avvio di ultimo quarto. E’ De Colo a ridare fiato al Cska, con sei punti consecutivi, ma l’Efes non molla ed è ancora a due possessi di ritardo a 2’ dalla fine. A differenza del passato, però i russi non tremano, sono freddi dalla lunetta ed è il francese a far iniziare la festa. 

Articolo in collaborazione con Basketissimo.com
 


ARTICOLI CORRELATI:

Sacchetti sincero su DiVincenzo
Sacchetti sincero su DiVincenzo
Bologna, il Prefetto chiarisce sul derby di Natale
Bologna, il Prefetto chiarisce sul derby di Natale
Djordjevic cerca un doppio riscatto
Djordjevic cerca un doppio riscatto
Derby di Natale, sindacati di Polizia chiedono spostamento
Derby di Natale, sindacati di Polizia chiedono spostamento
E' nata We Are Sport, il protagonista sei tu
E' nata We Are Sport, il protagonista sei tu
22 Daspo dopo Grissin Bon-Virtus Bologna
22 Daspo dopo Grissin Bon-Virtus Bologna
Trieste, si riparla di Mike Green
Trieste, si riparla di Mike Green
Cantù, mercato in ebollizione
Cantù, mercato in ebollizione
Sacchetti, Ricci e la Virtus
Sacchetti, Ricci e la Virtus
 
Rihanna incanta lo Stadium
Bellissime a Eicma 2019: Giorgia Capaccioli
Le bellissime di Eicma 2019: Beatrice Silipigni
Le bellissime di Eicma 2019: Alessia Pasqualon
Le bellissime di Eicma 2019: Francesca Campione
Bellissime a Eicma 2019: Kate Fretti
Le bellissime di Eicma 2019: Alessia Dones
Le bellissime di Eicma 2019: Ilaria Prazzoli
Le bellissime di Eicma 2019: Sabrina Semeraro
Le bellissime di Eicma 2019: Sabrina Chiolerio
Le bellissime di Eicma 2019: Giada Bagnoli
Le bellissime di Eicma 2019: Federica Zucchieri