Eurolega: il Maccabi schiaccia Sassari

A Tel Aviv gli israeliani vincono 79-63, la Dinamo resiste solo un tempo.

E' ancora una volta indigesta l'Eurolega per la Dinamo Sassari. La formazione di coach Meo Sacchetti incappa nella terza sconfitta consecutiva in Europa a Tel Aviv nel fortino del Maccabi (79-63). Dopo un primo tempo di grande personalità, i campioni d'Italia crollano nel finale sotto i colpi di uno scatenato Devin Smith, traditi, ancora una volta, da MarQuez Haynes e Brent Petway.

Il Banco di Sardegna si presenta allo Yad Eliyahu senza alcun timore reverenziale. Sulle ali di Jarvis Varnado, vero e proprio rebus per la difesa gialloblu, gli uomini di coach Meo Sacchetti cercano la prima fuga della gara, costringendo Guy Goodes a chiamare timeout per interrompere l'emorragia. La strigliata serve per ridestare l'attacco israeliano ma sono proprio i due ex di turno, Joe Alexander e Marquez Haynes, a ricacciare indietro i padroni di casa (7-13). Il Maccabi Tel Aviv, nonostante un pessimo avvio di stagione, è squadra esperta ed abituata a questo genere di intensità sul parquet e, grazie alla grinta dell'ex Avellino Devin Smith, rimette il naso avanti sul 22-20. La difesa della Dinamo è troppo morbida e concede facili penetrazioni ai padroni di casa che ne approfittano per provare a scavare un piccolo solco nel punteggio. Eyenga, però, ha altri progetti e con un paio di canestri di pregevole fattura consente ai campioni d'Italia di restare a contatto e di andare all'intervallo lungo sul punteggio di 35-33.

La ripresa si apre su ritmi elevati: il Maccabi approfitta di un paio di banali palle perse della Dinamo per provare a prendere le distanze, ma ancora Eyenga, con il suo atletismo, fa male alla difesa gialloblu. Improvvisamente le mani dei sardi si raffreddano con lo scorrere dei minuti e tra una spingardata e l'altra, i padroni di casa riescono a mantenere con agio la testa della gara. Randle ed uno Smith in stato di grazia (5/6 dall'arco) regalano la doppia cifra di vantaggio (56-45) con la quale si chiude la terza frazione di gioco. Tradita da Haynes e Petway, i due giocatori chiamati a far fare il salto di qualità alla squadra di Sacchetti in Europa, Sassari fatica a restare in partita ed il Maccabi ne approfitta per dilagare, allungando addirittura ad un preoccupante +16. I campioni d'Italia provano a rientrare grazie alla precisione dalla lunetta del tiro libero ma, ormai, gli isrealiani sono irraggiungibili. Allo Yad Eliyahu finisce 79-63.

In collaborazione con basketissimo.com.


ARTICOLI CORRELATI:

Pancotto:
Pancotto: "Questa Treviso ha il Dna della Benetton"
De Raffaele ha un piano anti Milano
De Raffaele ha un piano anti Milano
Treviso diffida di due in particolare
Treviso diffida di due in particolare
Buscaglia:
Buscaglia: "Trieste ha un roster completo"
Jamarr Sanders torna sulla piazza
Jamarr Sanders torna sulla piazza
Pozzecco spiega la trasformazione di McLean
Pozzecco spiega la trasformazione di McLean
Ettore Messina sfida Parker con due innesti
Ettore Messina sfida Parker con due innesti
Brindisi, il regalo di Natale è Dominique Sutton
Brindisi, il regalo di Natale è Dominique Sutton
Mancinelli:
Mancinelli: "Sassari e Pozzecco i migliori"
 
Rihanna incanta lo Stadium
Bellissime a Eicma 2019: Giorgia Capaccioli
Le bellissime di Eicma 2019: Beatrice Silipigni
Le bellissime di Eicma 2019: Alessia Pasqualon
Le bellissime di Eicma 2019: Francesca Campione
Bellissime a Eicma 2019: Kate Fretti
Le bellissime di Eicma 2019: Alessia Dones
Le bellissime di Eicma 2019: Ilaria Prazzoli
Le bellissime di Eicma 2019: Sabrina Semeraro
Le bellissime di Eicma 2019: Sabrina Chiolerio
Le bellissime di Eicma 2019: Giada Bagnoli
Le bellissime di Eicma 2019: Federica Zucchieri