C'è la fila per Carlos Delfino

Sassari e Pesaro se la devono vedere con una rivale di tutto rispetto: la Fortitudo.

delfino

C’è la fila per Carlos Delfino, che ha chiuso in maniera burrascosa il suo rapporto con la Fiat Torino e che i tifosi della formazione piemontese hanno già dimostrato di rimpiangere con gli applausi riservatigli in occasione del match - poi perso – con la San Bernardo Cantù.

Sassari e Pesaro, che stanno corteggiando l’argentino, se la devono vedere con una rivale di tutto rispetto: la Fortitudo. E i bolognesi, pur non essendo in serie A, rappresentano un rivale di tutto rispetto, al di là del blasone. Dal 2002 al 2004 l’ala piccola ha infatti giocato nella ‘F’, trasferendosi in Emilia dopo la prima esperienza italiana vissuta a Reggio Calabria.

ARTICOLI CORRELATI:

Torino nell'abisso, Trento galoppa
Torino nell'abisso, Trento galoppa
Vitucci non trattiene l'emozione
Vitucci non trattiene l'emozione
Pino Sacripanti non è contento fino in fondo
Pino Sacripanti non è contento fino in fondo
Pianigiani riconosce i meriti di Brindisi
Pianigiani riconosce i meriti di Brindisi
Brindisi da sogno, Olimpia sconfitta
Brindisi da sogno, Olimpia sconfitta
Esposito:
Esposito: "La squadra va rimodellata"
Vucinic ha capito dove migliorare
Vucinic ha capito dove migliorare
Pashutin:
Pashutin: "Più forti della tattica di Avellino"
Cantù ferma la rincorsa di Avellino
Cantù ferma la rincorsa di Avellino
 
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia
Fabiana Britto rossonera da urlo
Milca Gili: una 'diavoletta' perfetta
Le bellezze dell'EICMA 2018
Diletta Leotta
Lauren Summer
Georgina, la musa di Cristiano Ronaldo
Tawny Jordan
Aida Yespica
Arlenis Sosa
Ginevra Lambruschi