Storico: Oro per le azzurre Under 20, è il secondo trofeo stagionale

Per la prima volta il basket femminile italiano conquista due ori nella stessa stagione.

basket

Vittoria rocambolesca dell'Italia (70-67), che non partiva fra le favorite nell'Europeo U20, l'unico trofeo femminile continentale che ancora mancava, ma dopo le due sconfitte iniziali con Olanda e Francia che facevano presagire difficoltà, ecco la sorprendente metamorfosi. Ha vinto 5 gare consecutive battendo dopo la Germania le ceche padrone di casa, la favoritissima Spagna, reso poi pan per focaccia alle francesi in semifinale e messo ko le russe arrivate alla fine con 6 vittorie su 6 al termine di una gara thrilling, sempre sul filo dell'incertezza (12-12, 22-20, 18-19, 18-16), dove lo scarto massimo è stato di 5 punti.

Il coach italiano, sconfitto l'anno passato dall'Olanda nella finale per il bronzo, ha giocato d'azzardo e avuto ragione. Al 4° fallo di Sara Madera l'ha lasciata in campo e la rocciosa livornese sul 64-67 a 1'25 dal termine ha segnato l'incredibile tripla del pareggio dopo un'azione soffertissima che ha permesso alle azzurre di riprendere fiducia e vincere il trofeo grazie a un canestro capolavoro di Costanza Verona che ha firmato una gara incredibile, da star, 25 punti (9/13, il 69,2 per cento nel tiro, 7 rimbalzi, 4 assist) e una lezione di regia, intelligenza, calma olimpica.

L'Italia fa storia e dopo aver vinto poche settimane fa l'europeo U18 porta a casa, in attesa dell'europeo U16 dove è campione uscente, il secondo oro stagionale con la under 20, mette fine al dominio della Spagna (campione uscente e 7 titoli negli ultimi 8 anni!) e per la prima volta il basket femminile italiano conquista due ori nella stessa stagione, davvero un momento di speranza e rinascita per il settore femminile dopo la delusione della squadra senior di Marco Crespi nel recente europeo e la mancata qualificazione per il torneo preolimpico.

Se la palermitana Verona è stata l'indiscussa MVP della finale, MVP del quintetto All Star con due italiane è stata Sara Madera, con le russa Valentina Kozhukhar, la belga Billie Massey e la francese Tima Pouye. Tre anni fa la Madera era stata inserita nel quintetto All Star dei Mondiali u17, unica europea, nella finale in cui le azzurrine furono battute dagli Stati Uniti. Soddisfazione doppia per la 18enne marchigiana Orsili, decisiva con i suoi 13 punti, i cambi di ritmo: un mese fa aveva vinto l'oro della U18. Prima medaglia per Sandro Orlando, il 59 coach di Cavriago (Reggio Emilia) che dopo aver vinto due scudetti con Schio e un'Eurocup e fatto da assistente di Ticchi con le squadra senior è passato alla maschile e allena in B a Vicenza.

Niente prima medaglia per le belghe, battute a Klatovy (Repubblica Ceca) dalla Francia per il bronzo 53-34. Nella U20 l'Italia ha vinto le ultime 5 partite con le russe,  bilancio di 5-2, negli ultimi 3 non si erano più incontrate.


ARTICOLI CORRELATI:

Pozzecco elogia tutti, uno in particolare
Pozzecco elogia tutti, uno in particolare
Djordjevic fa la corte a Strautins
Djordjevic fa la corte a Strautins
Djordjevic ringrazia Kyle Weems
Djordjevic ringrazia Kyle Weems
Esposito:
Esposito: "A Treviso sarà dura in ogni senso"
Trieste, Fernandez a rischio con la Virtus
Trieste, Fernandez a rischio con la Virtus
Ceron:
Ceron: "Ho pensato di non potercela fare"
Brienza chiede una mano al pubblico
Brienza chiede una mano al pubblico
De Raffaele:
De Raffaele: "A Varese serve maturità"
Basket, scelte le quattro sedi dei Pre-Olimpici
Basket, scelte le quattro sedi dei Pre-Olimpici
 
Bellissime a Eicma 2019: Giorgia Capaccioli
Le bellissime di Eicma 2019: Beatrice Silipigni
Le bellissime di Eicma 2019: Alessia Pasqualon
Le bellissime di Eicma 2019: Francesca Campione
Bellissime a Eicma 2019: Kate Fretti
Le bellissime di Eicma 2019: Alessia Dones
Le bellissime di Eicma 2019: Ilaria Prazzoli
Le bellissime di Eicma 2019: Sabrina Semeraro
Le bellissime di Eicma 2019: Sabrina Chiolerio
Le bellissime di Eicma 2019: Giada Bagnoli
Le bellissime di Eicma 2019: Federica Zucchieri
Le bellissime di Eicma 2019: Martina Bassi