Stare nella natura è il segreto della longevità

11 Ottobre 2021

Il segreto della longevità per vivere a lungo e in salute? Passare del tempo ogni giorno a contatto della natura, spazi ‘verdi’ (dove ci sono piante, fiori, prati) ma anche ‘blu’, ovvero a contatto con corsi o specchi d’acqua.

Come non bastassero questi 6 benefici scientificamente provati (tra cui il miglioramento del sonno e la riduzione degli stati d’ansia), il fatto che la natura ci faccia capire meglio le emozioni e ci renda davvero felici ora uno studio condotto dalla University of Minnesota e pubblicato sulla rivista scientifica Health and Place dimostra come il contatto quotidiano con la natura migliora la qualità della vita nella terza età, aumentando la speranza di vita.

Il segreto della longevità: stare nella natura per vivere bene e a lungo

La ricerca è stata condotta su un gruppo di persone tra i 65 e gli 86 anni di Vancouver (Canada) di diverse estrazioni sociali ed etnie e con varie e diverse problematiche di salute: il solo fatto di garantire più facilmente l’accesso alle aree verdi e blu (aumentando il numero di giardini pubblici all’interno delle città, predisponendo strutture come panchine e viali calpestabili da persone anziane, migliorando il trasporto pubblico verso l’esterno delle città) ha permesso loro di ‘utilizzare’ la natura per essere più attivi dal punto di vista fisico, spirituale e sociale.

> Leggi anche: Camminare nella natura fa bene alla mente

Insomma, non si tratta solo di fare una passeggiata, ma anche di fermarsi ad ammirare il paesaggio o un fiore o di interagire con altre persone: in questo modo sono diminuiti i livelli di alcuni indicatori ‘negativi’ (sensazione di noia, solitudine, isolamento) e per alcuni è stato possibile superare blocchi e resistenze dovuti a condizioni croniche di malattia, disabilità o non indipendenza legate all’età.

Stare nella natura è il segreto della longevità

Secondo Jessica Finlay che ha condotto la ricerca e coordinato il progetto per la University of Minnesota, 3 sono i punti cardine per una vecchiaia lunga e sana:

  • Considerare il benessere complessivo: gli aspetti mentali e sociali sono importanti tanto quanto quelli fisici.
  • Uscire di casa regolarmente, almeno una volta al giorno, anche solo per andare al giardinetto vicino a casa.
  • Mettere tra le priorità quotidiane il contatto con la natura, fosse anche solo sedersi su una panchina, prendersi cura delle piante o ascoltare il suono dell’acqua che scorre.

Non è la ricetta del dottor Robert Zarr, pediatra di Washington, DC, che sta prescrivendo passeggiate nella natura al posto delle medicine?
Credits: Pixabay / Herriest

©

ULTIME NOTIZIE:

Virata nel nuoto stile libero: come farla
Raffreddore e malanni d’autunno, come curarli con i rimedi della nonna (e quelli scientifici)
Palestra o allenamento da casa? Come il Covid ha cambiato il fitness
Salewa Ortles Couloir: il più leggero e innovativo scarpone da alpinismo
La dieta mediterranea è la migliore di tutte
E-gravel: le bici da ghiaia elettriche sono il nuovo trend?
 
Milan-Torino 1-0, le pagelle
Inter-Juventus 1-1, le pagelle
Cristiano Ronaldo, brutto gesto e rissa sfiorata: le foto
Napoli - Legia Varsavia 3-0: le pagelle
Lazio-Marsiglia 0-0, le pagelle
Quanto ne sai sulla Serie A degli anni '90? Rispondi al quiz
Zenit-Juventus 0-1, le pagelle
Brutto infortunio per Romelu Lukaku: le foto