Lafuma, i pionieri dell’alpinismo sostenibile

29 Giugno 2022

Era il lontano 1930 quando tre fratelli – Alfred, Victor e Gabriel Lafuma – fondarono il brand che porta il loro nome in un piccolo laboratorio di Anneyron, nel sudest della Francia.
Fin dall’inizio, per progettare e sviluppare i propri prodotti, i fratelli Lafuma si avvalsero della collaborazione di alpinisti esperti, tra i più famosi nella storia dell’azienda, Gaston Rebuffat, un vero astro dell’alpinismo francese, che è stato a lungo il principale consulente tecnico del brand.
Nei primi anni ‘90, quando ancora se ne parlava pochissimo, Lafuma si è chiesta in che modo poteva contribuire alla tutela dell’ambiente. Questa visione ecologica si è presto tradotta in azioni concrete.

Lafuma, i pionieri dell’alpinismo sostenibile

Lafuma ha iniziato a collaborare sul campo con France Nature Environnement nel 1992 e con il WWF nel 2000. Per quanto riguarda i prodotti, Lafuma ha sviluppato il suo primo zaino in cotone riciclato nel 1993, quando ancora pochissime aziende si preoccupavano dell’impatto delle proprie attività sull’ambiente. Negli anni ‘90 questa visione ha portato alla creazione delle prime collezioni dal design ecologico; oggi più dell’80% delle collezioni è ecologico. Questi prodotti – abbigliamento, zaini, calzature, sacchi a pelo e accessori – sono contrassegnati dall’etichetta “Low Impact”, che ne certifica la tracciabilità e il design ecologico. È una certificazione che racchiude un preciso impegno: prodotti durevoli e di alta qualità, materie prime certificate, garanzia che i materiali di origine animale provengono da fonti responsabili, assenza di sostanze chimiche nocive (la collezione è totalmente priva di PFC), trasparenza sui luoghi di produzione, qualità del lavoro e attenzione per la salute dei dipendenti, servizio di riparazione per i prodotti… Tutti gli sforzi sono rivolti all’obiettivo ormai molto vicino: una collezione ecologica al 100%.

Lafuma, i pionieri dell'alpinismo sostenibile

La sostenibilità è iscritta nel DNA di Lafuma. Da quando è stata fondata riunisce gli amanti della natura, che vogliono lasciare in eredità ai propri figli la meraviglia di un mondo bello da esplorare; questo impegno rientra in un programma più ampio, che abbraccia la storia del brand, i prodotti dal design ecologico e le azioni sul campo. Come quella che si svolge da più di 10 anni a Chamonix, dove Lafuma organizza la Responsible Mountain Operation, una giornata dedicata alla sensibilizzazione su come ridurre l’impatto sulle montagne e sulle aree urbane. Ci sono concerti, si raccolgono i rifiuti sulle montagne e vengono presentate le attività ecologiche della valle. Nell’arco dei primi 10 anni sono state raccolte oltre 28 tonnellate di rifiuti, pneumatici di trattori, cavi di ski-lift, lattine di birra, vecchi sci…
Niente è sfuggito agli oltre 1000 volontari che hanno partecipato alla Responsible Mountain Operation fin dal primo anno!

©

ULTIME NOTIZIE:

Occhiali da sole: va bene usarli o no?
Il fritto misto fa ingrassare?
Come scegliere l’anguria più buona
Occhiali da sole casual per fare sport: gli adidas Sport Eyewear SP0059
Vacanza in bici con i bambini, i consigli per partire
Come imparare a fare la verticale
 
Clamorosa rissa tra Conte e Tuchel, sfoglia la gallery!
Buon compleanno Giorgio Chiellini! Le foto di una carriera senza fine
Le pagelle di Milan-Udinese 4-2
Le pagelle di Lecce-Inter 1-2
Le pagelle di Monza-Torino 1-2
Tanti auguri Mario Balotelli! Le foto dei momenti più iconici della sua carriera
Alisha Lehmann, la svizzera da sballo: le foto
ll Real Madrid va in gol con Sanna Marin: le foto