La vita sedentaria ci fa invecchiare di 8 anni. Come si può rimediare?

3 Novembre 2021

Che la vita sedentaria non giovi alla salute lo sappiamo bene e ne abbiamo parlato spesso. Ora uno studio allarmante della School of Medicine della University of California San Diego, pubblicato sull’American Journal of Epidemiology, rivela che le donne che rimangono sedute per oltre 10 ore al giorno o che dedicano poco tempo all’attività fisica invecchiano prima, a causa di una più veloce degenerazione cellulare determinata dallo stile di vita. Addirittura si parla di un invecchiamento di 8 anni.

La vita sedentaria ci fa invecchiare di 8 anni: lo studio

I ricercatori americani hanno monitorato 1500 donne di età compresa fra i 64 e i 95 anni, persone che conducono una vita sedentaria fatta di 10 ore al tavolo e meno di 40 minuti di movimento giornaliero. La scoperta chiave è stata che queste abitudini al poco movimento portano a una carenza di telomeri, piccole porzioni di DNA poste alla fine di ogni cromosoma, che determinano la durata della vita delle cellule, impedendo loro di sfibrarsi. Proprio la carenza di telomeri porta all’aumento dei rischi di malattie e riduce la capacità di sopravvivenza dei soggetti.

> Leggi anche: 6 consigli per tenersi in forma camminando

L’importanza dello studio

Stare troppo seduti e non fare movimento può dunque portare a un invecchiamento precoce non indifferente. Avere le cellule più vecchie di 8 anni rispetto alle donne che svolgono una vita più attiva significa indebolimento, esposizione alle malattie, degenerazione complessiva dello stato di salute. Una recente ricerca ha raccontato come l’attività fisica aiuti a prevenire il cancro. Lo studio dell’ateneo americano va in questa direzione: “Il nostro studio dimostra che l’età cronologica non corrisponde sempre a quelle biologica, spiega il professor Aladdin Shadyab, che ha guidato lo studio, che per la prima volta mette in relazione lo stile di vita e le ricadute sull’invecchiamento.

> Leggi anche: Come fare sport contro i rischi di un lavoro sedentario

Il rimedio: muoversi!

La buona notizia è che c’è un modo per evitare l’invecchiamento cellulare nonostante le molte ore sulla sedia nell’arco della giornata: l’attività fisica. Una routine quotidiana che preveda 30 minuti di movimento, come viene del resto raccomandato dalle linee guida dell’OMS, è un antidoto contro la riduzione dei telomeri, spiega Shadyab, che auspica una maggiore consapevolezza sul tema: “Il dibattito sui benefici dell’esercizio fisico dovrebbe partire fin da quando siamo giovani,l’attività fisica deve esser parte della nostra vita quotidiana fino agli 80 anni”. Ancora una volta, muoversi, camminare (anche senza correre) è la migliore medicina che c’è.

> Leggi anche: 10.000 passi al giorno per stare sempre in forma

©

ULTIME NOTIZIE:

Riapertura impianti Tofana – Freccia nel Cielo Cortina: dal 4 dicembre via allo sci
Dove andare in montagna a Natale in Lombardia: 5 posti poco conosciuti
10 idee regalo per chi ama il trekking
Libri di sport da regalare a Natale: i migliori sull’outdoor
Attrezzatura sci di fondo: 5 consigli per scegliere quella giusta
I bambini che giocano all’aperto anche d’inverno si ammalano di meno
 
Salernitana-Juventus 0-2, le pagelle
Salernitana-Juventus 0-2, le pagelle
Milan-Sassuolo 1-3, le pagelle
Juventus-Atalanta 0-1, le pagelle
Atletico Madrid-Milan 0-1, le pagelle
Fiorentina-Milan 4-3, le pagelle
Lazio-Juventus 0-2, le pagelle
Vidal, ma cosa combini? Le foto: è andata bene