Dove si trovano i 3 deserti italiani, per un viaggio originale

8 Ottobre 2021

Dove si trovano i 3 deserti italiani? Esistono davvero?
Ok, non siamo un paese desertico ma ci sono davvero almeno 3 deserti italiani da vedere assolutamente, per una vacanza o un viaggio esperienziale originale nel nostro paese, in sicurezza e all’insegna del benessere.
Un viaggio nel deserto significa sperimentare le emozioni della vastità dei panorami, il silenzio avvolgente, la solitudine che ti rigenera.
I deserti italiani sono fondamentalmente tre:
1. Deserto di Piscinas, Sardegna
2. Dune di Capocotta,
Lazio
3. Deserto di Accona, Toscana

Dove si trovano i 3 deserti italiani, per un viaggio originale

Il deserto stimola la riflessione su noi stessi, ci spinge a superare le difficoltà, ci aiuta a conoscerci meglio. Non a caso si parla di ‘desert therapy’. Ed è meglio ancora percorrerli a piedi in una vacanza sui più bei cammini italiani, sono deviazioni che valgono la pena.
In un momento in cui non è semplice raggiungere paesi che ospitano grandi deserti (ad esempio tutta la classica fascia mediorientale del Sahara, la zona di confine India-Pakistan, la Mongolia) possiamo esplorare quelli italiani. Quanto a panorami sconfinati non sono esattamente le stesse cose che puoi vedere in Marocco, Egitto e paesi simili, ma sono forse i più bei deserti in Europa.
Sono davvero sorprendenti e sapranno conquistarti,
anche perché in due su tre, le dune finiscono nel mare.

1. Deserto di Piscinas, Sardegna

Il nome ufficiale Dune di Piscinas, ma questa zona della Sardegna sud ovest è meglio conosciuta come Deserto di Piscinas, ma anche ‘Il piccolo Sahara italiano’. Si torva nel comune di Arbus ed è il più grande deserto naturale d’Europa, anche se rispetto al Sahara è minuscolo: 1,5 chilometri quadrati.
Davanti alla vista si aprono colline di sabbia alte fino a 100 metri che si susseguono fino al mare azzurro della Spiaggia di Piscinas.deserti-italiani-dove-si-trovano-piscinasLe dune sono state modellate dal vento nei secoli, a ricoprire le rocce portate qui dai fiume Piscinas e Naracaulie sono simili alle Dune di Pilat, a sud di Bordeaux nella Francia atlantica. Ma con un mare più bello e caldo e con una vegetazione mediterranea dai profumi inebrianti (soprattutto ginepro e ulivo).
In più, si possono avvistare le tartarughe di mare che vengono qui a deporre le uova.
La zona delle dune ha percorsi di trekking e c’è un bel campeggio dove dormire.
In inverno è uno degli spot italiani preferiti dai surfisti.
[Credit: Gianni Careddu – Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=33905315]

2. Dune di Castelporziano, Lazio

Il deserto alle porte di Roma: le dune di Castelporziano sono fra le meglio conservate d’Italia. Si incontrano nella lunga spiaggia di Capocotta, fra Torvaianica e Castelporziano, sulla litoranea Ostia-Anzio.
Sono lunghe 5 km e non sono alte come quelle di Piscinas, ma nel 1996 sono diventate parte della Riserva Naturale Statale Litorale Romano: qui puoi vedere flora e fauna allo stato selvaggio tipiche dei questo ambiente (compresi conigli selvatici e istrici).
deserti-italiani-dove-si-trovano-capocottaDai pascoli e arbusti mediterranei (niente male il profumo di mirto e ginepro che aleggia) la sabbia si fa largo verso il mare in un panorama di dune spesso descritto fra i migliori d’Europa. In particolare merita una visita la Duna di Capocotta, la più lontana dalla foce del Tevere.
C’è una passerella che corre lungo tutta la spiaggia
La spiaggia include anche un’oasi naturista ed è un punto di riferimento della comunità Lgbt.
[Credit: Patafisik – Opera propria, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=17304677]

3. Deserto di Accona, Crete Senesi, Toscana

Deserto non è il termine esatto per definire questa zona a ridosso delle Crete Senesi, ma è ormai quella con cui è più conosciuta: la inventarono degli studiosi a metà ‘800 per riconoscere questa zona in cui l’erosione, la scarsa piovosità e la mancanza di presenza umana hanno creato un panorama unico e suggestivo.deserti-italiani-dove-si-trovano-crete-senesiSono le ‘badlands’ italiane, una distesa di dune lunari che si estende fra Asciano, Montalcino e Buonconvento.
Il colore chiaro di queste terre aride è dovuto alle calanche, più rocciose e corrugate, e ai campi di biancane (argilla e elementi salini che affiorano sulla terra). Danno vita a un ambiente raro in Italia, un deserto bianco in cui spuntano macchie di verde, che non sono coltivate da oltre 800 anni.
[Credit Andrea stregophotos – Visit Tuscany]
[Credit foto principale: Gunther Tschuch – Opera propria, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=4903601]

 

LEGGI ANCHE

8 bellissimi itinerari a piedi in Emilia Romagna, lontani dalla folla

Delta del Po in bici: 5 itinerari da non perdere

©

ULTIME NOTIZIE:

BikeUP: oltre 34 mila appassionati di bici elettriche a Bergamo, un successone!
Strappo muscolare: come curarlo?
Camminare in autunno fa bene: 7 consigli
Longboard: cos’è e come si usa lo skate lungo, veloce e stabile
Abbiamo davvero bisogno di 10 mila passi al giorno per essere in forma? In realtà no
World Pasta Day, 25 ottobre: 3 falsi miti della dieta su spaghetti, penne, fusilli e maccheroni
 
Inter-Juventus 1-1, le pagelle
Cristiano Ronaldo, brutto gesto e rissa sfiorata: le foto
Napoli - Legia Varsavia 3-0: le pagelle
Lazio-Marsiglia 0-0, le pagelle
Quanto ne sai sulla Serie A degli anni '90? Rispondi al quiz
Zenit-Juventus 0-1, le pagelle
Brutto infortunio per Romelu Lukaku: le foto
Inter-Sheriff 3-1, le pagelle