Benefici dell’allenamento in piscina: i 6 secondo Michael Phelps

1 Settembre 2021

Chi non vorrebbe i consigli per il nuoto di Michael Phelps? O capire da lui, che ha percorso migliaia di chilometri in vasca, quali sono i benefici dell’allenamento in piscina? Il più grande nuotatore di tutti i tempi, vincitore di 28 medaglie olimpiche (di cui 23 d’oro), dopo il ritiro si è dedicato al business con la sua linea per la piscina. In occasione del lancio dai nuovi prodotti di MP (costumi, occhialini, attrezzatura), il campione di Baltimora illustra, sostenuto da ricerche scientifiche, i 5 grandi benefici del nuoto. Ad esempio il nuoto aumenta la VO2Max, ma migliora anche la postura, favorisce il sonno e abbassa il cortisolo, l’ormone dello stress. Ma non c’è solo questo. Sono tantissimi i benefici del nuoto. E poi c’è un sesto motivo per prendersi del tempo e allenarsi in piscina: nuotare è un piacere.

1. I benefici dell’allenamento in piscina secondo Michael Phelps: cuore, respirazione, postura e muscoli

Dal punto di vista fisico i benefici dell’allenamento in piscina sono tantissimi (ne parliamo anche qui). Anzitutto aumenta la VO2Max, ovvero la capacità massima di ossigeno. In pratica significa quanto tempo ci vuole per passare dalla fase aerobica a quella anaerobica e quanto tempo ci vuole per il recupero. Correlata al VO2Max è il potenziamento dell’attività cardiaca e quindi la salute dell’apparato cardiocircolatorio: il nuoto, sport aerobico che richiede un maggiore apporto di ossigeno al cuore, bilancia infatti la pressione sanguigna e regolarizza il numero di battiti.
Ci sono anche tecniche per migliorare il movimento delle gambe e nuotare in modo più efficace.

Ma non è finita: il nuoto fa bene alla respirazione, molti studi hanno dimostrato come il nuoto riduca, ad esempio, i sintomi dell’asma, soprattutto nei bambini. Gli esercizi e gli allenamenti che vengono fatti in piscina incoraggiano, infatti, la coordinazione respiratoria. Inoltre, rafforza le ossa, migliora la postura e la flessibilità del tono muscolare, perché nuotando vengono utilizzati tutti i muscoli presenti nel corpo senza che vengano sovraccaricate le articolazioni.

Qui spieghiamo ogni quante bracciate respirare per nuotare meglio e ottenere benefici.

2. I benefici mentali del nuoto: buonumore, sonno regolare, antistress

Nuotare fornisce una sensazione di benessere, perché sviluppa le endorfine, donando così una sensazione di benessere riducendo lo stress e alleviando sintomi come depressione ed ansia. In più favorisce il sonno: andare in piscina più di due volte a settimana tiene lontana l’insonnia. Tanto che secondo la National Sleep Foundation i nuotatori sono soliti avere buone dormite notturne.

E poi, quando si nuota, la mente è concentrata sull’azione e ciò consente ai pensieri angoscianti di arrestarsi lasciando spazio ad un’energia positiva che sprigiona vitalità e positività a tutto il corpo.

3. I benefici motivazionali del nuoto: miglioramento e autostima

Il potere rigenerante del nuoto è ben noto ai suoi praticanti. Spesso, praticando altri sport ci possiamo sentire affaticati e stanchi, ma nuotare – specie la mattina – fornisce la carica giusta per affrontare la giornata. Aumenta l’autostima, perché il nuoto, associato ad una dieta sana ed equilibrata, è uno dei migliori rimedi per rimanere in forma.

Così, il nostro corpo tonificato risulta più bello, facendoci sentire soddisfatti e motivati. E poi porsi un target di vasche in un determinato tempo, e riuscire a raggiungerlo, è fonte di appagamento e di continuo miglioramento.

Qui un video con i consigli di Michael Phelps e del suo allenatore Bob Bowman

4. I benefici del nuoto sul peso (e la cellulite)

Il nuoto aiuta a perdere peso. L’acqua, essendo 800 volte più densa dell’aria, permette ai nuotatori di bruciare un numero maggiore di calorie rispetto a chi pratica sport all’aria aperta. Indicativamente, in 1 ora di nuoto si possono arrivare a bruciare dalle 400 alle 500 Kcal. Se vuoi sapere qual è il migliore stile di nuoto per dimagrire, leggi questo articolo.

Chi pratica con costanza il nuoto, perde massa grassa, aumentando invece quella magra, sotto forma di muscoli. Per questo il nuoto, affiancato ad una dieta sana ed equilibrata, è uno dei migliori rimedi per combattere l’obesità. Se vuoi saperne di più, qui parliamo del migliore stile di nuoto per dimagrire.

5. I benefici del nuoto in generale: andare i piscina allunga la vita

Nuotare regolarmente rende più longevi, rispetto a chi non pratica il nuoto. Questo alla luce di nuove ricerche, come quella della University of South Carolina, che ha dimostrato che nuotare riduce il rischio di morte prematura addirittura del 50%.

>> LEGGI ANCHE: Come fare la virata a stile libero

6. Nuotare è divertente!

Sì, anche se qualcuno storcerà il naso, fare avanti e indietro per le vasche può essere divertente. Accontenta tutti: chi ama nuotare e socializzare con i propri amici in vasca, approfittando delle pause, al solitario: quello che preferisce isolarsi da tutto e da tutti e nuotare nella pace dei sensi.

Inoltre, in piscina si possono fare un sacco di attività oltre al nuoto: aqua-jogging, aerobica in acqua, esercizi di fitness e persino Yoga. Per non annoiarsi mai.

Se nuoti potrebbero interessarti anche questi altri nostri articoli di approfondimento:

(foto MP by Aqua Sphere)

 

 

©

ULTIME NOTIZIE:

Come fare per dimagrire a 50 anni: il Tai Chi riduce il grasso addominale
8 bellissimi itinerari a piedi in Emilia Romagna, lontani dalla folla
La bici elettrica fa bene alla salute come quella muscolare
Quanto sale nella dieta di chi fa sport?
Calcetto e infortuni: regole di prevenzione ed esercizi per non farsi male
La colazione prima di andare in palestra al mattino
 
Juventus-Milan 1-1, le pagelle
Liverpool-Milan 3-2, le pagelle
Malmoe-Juventus 0-3, le pagelle
Cristiano Ronaldo abbatte uno steward. Poi si scusa. Le foto
Europa League: le rivali delle italiane
Sampdoria-Milan 0-1, le pagelle
Udinese-Juventus 2-2, le pagelle
Psg, partitella d'allenamento stellare: le foto