9 precauzioni per viaggiare da soli

12 Agosto 2022

Sempre più persone scelgono di viaggiare da soli tanto che il solo travelling è ormai diventata una tendenza interessante anche per tour operator e sistemazioni: i single traveller rappresentano infatti già oggi l’11% del mercato, il 58% dei millennials ha viaggiato almeno una volta da solo (il 47% dei baby boomers) e a viaggiare in autonomia sono principalmente le donne.

9 precauzioni per viaggiare da soli

Ma che si tratti di visitare città, fare del cicloturismo o affrontare un cammino, viaggiare da soli pone sempre qualche esigenza in più, in termini di organizzazione e anche di precauzioni da prendere. Come queste 9 che possono consentirti di godere di libertà e indipendenza stando al sicuro e senza incappare in situazioni difficili da gestire.

Informare qualcuno di dove si sta andando

Amici, parenti, famigliari non è importante. L’importante è che ci sia qualcuno che sappia regolarmente dove siete e dove avete intenzione di andare, di modo da consentire di iniziare una eventuale ricerca solo quando i tempi di spostamento o la mancanza di informazioni la rendono necessaria. Alcune applicazioni consentono anche di condividere la posizione in tempo reale con amici o parenti, ma può capitare di essere in zone remote dove il cellulare non prende o che si scarichi: avere idea del tempo che ci metterete a spostarvi può evitare inutili preoccupazioni o di far perdere inutilmente tempo in caso di necessità di aiuto.

Avere sempre il mondo di chiamare soccorso

Soprattutto se si viaggia a piedi o in bicicletta in aree naturali, remote o poco antropizzate, bisognerebbe avere sempre il modo di chiamare soccorso. Almeno in Europa ci sono numerose applicazioni che si possono installare sullo smartphone per chiamare i soccorsi in caso di bisogno (ne abbiamo parlato qui) ma non sempre i cellulari funzionano e nelle aree remote può essere utile un servizio satellitare.

Saper leggere una mappa

Ok, in città non è un grosso problema, ma durante un trekking, un cammino o un cicloviaggio può capitare che la batteria dello smartphone si scarichi o che non prenda il satellite. E addio mappe. Non bisognerebbe mai fidarsi troppo del proprio smartphone e delle relative App di navigazione: un buon backup possono essere gli sportwatch con navigazione satellitare, i GPS per l’escursionismo o più semplicemente, ed economicamente, saper leggere una vecchia, cara mappa cartacea.

Un kit minimo di emergenza

Potresti non credere a quanti cercatori di funghi finiscono dispersi ogni anno semplicemente perché scivolano in una scarpata e non riescono più a uscirne, chiamare un soccorso, farsi sentire o vedere. Smartphone (dove prendono) e satellitari hanno funzioni anche di localizzazione, ma per non rischiare tieni sempre a portata di mano un kit minimo di emergenza: un fischietto, una lucina intermittente e un cordino (li vendono sotto forma di bracciale da tenere al polso) possono tirarti fuori da un gran numero di guai.

viaggiare da soli

Non condividere troppe informazioni sul proprio viaggio

Sì, siamo nell’epoca dei social e l’imperativo è quello di condividere tutto. Ma questo può attirare anche i peggio intenzionati. Una buona strategia per “socializzare senza rischiare” è il #LaterGram, cioè condividere solo in un secondo momento, soprattutto per quanto riguarda i geotag.

Zaino di sopravvivenza

Ogni mattina, quando parti, dovresti preparare un vero e proprio zaino di sopravvivenza in grado di farti resistere per almeno 24 ore a qualunque evenienza: snack, acqua, giacca antipioggia, coltellino svizzero, lampada frontale, powerbank, accendino o meglio accendifuoco, corda, sono davvero il minimo indispensabile.

Kit di primo soccorso

Roba essenziale in caso di ferite, tagli, vesciche: cerotti, una pomata antibiotica, un disinfettante.

Abbigliamento caldo/freddo

Sì certo, magari è estate, fa caldo e prevedete di arrivare a fine tappa, al rifugio, a montare la tenda prima che faccia notte. Poi succede qualcosa e tocca bivaccare di notte, e allora è sempre bene avere qualche capo per poter resistere alle temperature ragionevolmente più estreme. Che durante un trekking in montagna possono andare sotto lo zero anche in piena estate. E lo stesso discorso vale per la pioggia.

Consapevolezza e istinto

No, consapevolezza e istinto non si comprano in nessun negozio, nemmeno online. Ma evitare di risultare vulnerabili, anche solo per distrazione, e fidarsi sempre del proprio istinto quando suggerisce che qualcosa o qualcuno non sono raccomandabili sono i primi tool per viaggiare da soli evitando di mettersi nei guai.

©

ULTIME NOTIZIE:

Attrezzatura per alpinismo: cosa serve per cominciare a scalare
Bici elettrica economica, i migliori modelli da comprare
Le migliori razze di cane per andare in montagna
Camminare tutti i giorni 1 ora nel bosco è il vero antistress: i benefici sono immensi
Mizuno Wave Neo: la prima scarpa da running 100% eco-friendly
Viaggio in Vespa fino in Nepal per staccare dal lavoro, la storia di Gianluca Pellegrinelli
 
Italia-Inghilterra 1-0, le pagelle: Azzurri rinati
Il derby di Madrid lo vince Ancelotti. Le foto del match
Sfida al vertice in Serie A tra Milan e Napoli. Le foto del match
Cartellino rosso! Angel Di Maria si fa cacciare dal campo a Monza: le foto
Udinese-Inter 3-1, le pagelle
Grande spavento per Marco Reus: esce dal campo in barella! Le foto
Fallo shock di Collins su Grelish: le foto del bruttissimo intervento
Fantacalcio, i nostri consigli per la settima giornata: chi schierare tra portieri, difensori, centrocampisti e attaccanti