Senza Schema - 1 marzo 2017

Toni Cappellari, insieme a Enrico Campana, per Sportal.it ogni settimana analizza quanto successo nel basket italiano e mondiale mettendo in evidenza gli aspetti più importanti: il tutto senza schema apparente - da cui il nome della rubrica - ma con l'ironia e la competenza che contraddistingue il duo, che non ha bisogno di presentazioni, è poco incline a fare sconti ed è portato a dare notizie di prima mano.

Toni Cappellari, insieme a Enrico Campana, per Sportal.it ogni settimana analizza quanto successo nel basket italiano e mondiale mettendo in evidenza gli aspetti più importanti: il tutto senza schema apparente - da cui il nome della rubrica - ma con l'ironia e la competenza che contraddistingue il duo, che non ha bisogno di presentazioni, è poco incline a fare sconti ed è portato a dare notizie di prima mano.

BORSINO - Chi sale e chi scende della 20a giornata 
PIACE (Capp)-  Filippo Baldi Rossi (Trento) - Dominique Archie (Capo d'Orlando) - Marcus Landry (Brescia)
NON PIACE (Capp) - Miroslav Raduljica (AJ7) - Kiril Bolshakov (Cantù) - Grissin Bon Reggio Emilia.

MAGIC MOMENT 
PIACE  (Capp)- Virtus Bologna, Treviso e Biella dominano il campionato di A2; tre piazze storiche che meriterebbero tutte la A1 solo una festeggerà. Pessimo.
PIACE (Camp) - Il record di 52 punti di Anthony Davis. la star di casa,  nell'All Star Game  di New Orleans, e la vittoria dell'Ovest con punteggio-record (374 punti, 192-182, più di 10 al minuto) hanno fatto passare in second'ordine il debutto di Giannis Antetokounmpo alla sua quarta stagione di NBA, senza avere frequentato il college,  la faccia brufolosa del teen-ager, il suo approccio invidiabile, quasi fosse un alieno, la  storia incredibile. Ribattezzato The Greek Freak, un locuzione che descrive il ragazzo anticonvenzionale  che viene dalla strada. Una storia di romanzo di Dickens.  E difatti il secondo dei  quattro figli di un ambulante nigeriano e immigrato in Grecia aiutava la famiglia vendendo occhiali da sole ai passanti nel centro  Atene tirando calci al pallone  assieme ai fratelli, in attesa dei clienti. Notato da un coach di basket per la sua altezza venne tesserato da un club minore a 13 anni. Non aveva mai giocato a basket, 6 anni dopo veniva scelto nel 2015 al n.15 da Milwaukee, la città che ha avuto un idolo come Jabbar e che si è innamorata di lui. E che questa estate ha investito 100 milioni di dollari per trattenerlo. In soli sei anni, senza il duro addestramento tecnico americano, nessuno era riuscito in questa scalata-lampo. Dopo aver segnalato per mesi che a suon di triple-doppie arrivava sulla scena un giovane di pelle nera - non americano e oltre Magic Johnson, per la versatilità unica  nel ricoprire 5 ruoli differenti,  e senza il cinismo  delle giovani star del draft -   mi ero stupito  la scorsa estate al preolimpico di Torino, al suo debutto con la nazione greca, di vedere lo scorso interesse mediatico. Peraltro lo hanno snobbato gli stessi greci, forse perché le due storiche big se lo sono fatte scappare... Fatto sta che, mai così sotto i riflettori nella sua carriera-lampo, secondo soltanto a LeBron nella votazione popolare con 1,6 milioni di voti, ma molto considerato anche dai tecnici, The Greek Freak ha segnato più punti(30 a 23) del giocatore icona della NBA, anche lui un "Freak". Morale della favola:  la globalizzazione del basket, il  gene  è un patrimonio di chi sa scoprirlo o ben utiizzare.

TRAGIC MOMENT 
PIACE (Capp) - La Presidentessa Irina Gerasimenko durante l'intervallo di Cantù - Capo d'Orlando, con la sua squadra sotto di 25 punti ha avvicinato Carlo Recalcati offrendogli la panchina canturina . Questi sì sono dirigenti sul pezzo.............. Poi, con più calma, hanno trovato l'accordo. Inevitabile, ma no poteva pensarci a scorsa estate e non perdere un anno?
NON PIACE (Camp) - Mi perdoni la simpatica  intraprendente  "dezurnaja", figura andata in pensione con  la Glasnost di Gorbaciov 30 anni fa: controllava quel che succedeva nei grandi alberghi russi frequentati dagli stranieri.  Entrata anche nel  dialetto romagnolo come  la rassicurante  "radzora",  donna energica molto più importante della sovrintendente di cucina.  Come scrissi a suo tempo  per suggerire un rimedio  ai troppi cambiamenti di Milano negli ultimi due anni e mettere uno stop all'instabilità cronica, la "dezurnaja" canturina invece di cambiare ogni settimana un giocatore o un allenatore, dovrebbe  limitarsi a una  semplice mossa. Quella di cambiare...se stessa. E dedicarsi al marketing e le relazioni esterne per le quali ha talento avendo portato  nei giorni scorsi  al basket un'industria di Figino Serenza, la MIA, che potrebbe essere un ponte interessante per un futuro "brianzolo".  Nel frattempo però potrebbe, con i dovuti modi, offrire a Recalcati anche la presidenza delle operazioni mettendogli magari  vicino Toni Cappellari e tenendo l'ingombrante marito fuori della stanza fino al termine della stagione.
NON PIACE (Capp) - A dieci giornate dalla fine 4 squadre in due punti per la lotta per la retrocessione Cantù che cambia l'allenatore, Pesaro grazie a un mostruoso Marcus Thorton vince con i sardi, Cremona tra le mura amiche non perde e Varese tra mille difficoltà vince con Pistoia ma quante palle perse  

TIME OUT
PIACE (Capp)- Nella sconfitta di Torino ancora un super Donzelli nell'Enel Brindisi, Sacchetti lo usa come primo cambio per gli esterni e lo fa crescere. Grande Meo.
NON PIACE (Capp) - Programmazione televisiva: che audience può avere una partita di campionato la domenica alle 20,45 che va contro un supermatch di calcio di serie A? Secondo voi gli appassionati di sport domenica guardavano Inter-Roma o Juve Caserta-Olimpia Milano?
  
PIACE (Camp) - Olimpia: molto meglio il pubblico che la squadra e le scelte  tecniche poco convincenti di questa stagione:  quasi 10.000 spettatori (9.634,9, dati sito Euroleaga) nelle 12 partite casalinghe dopo 23 gare. Il minimo è stato il 6.146 col Baskonia, comunque un sold-out per il Palalesio. Tre "sold-out" al Forum nella prima parte della stagione, 12.518  (Real Madrid, 4a g) e poi nell'arco delle serie-nera di 10 sconfitte,  il 12.046 (Fenerbahce, 9a g) e il picco di 12.788 (Cska, 11a g). E' stato il canto del cigno, persi quasi 2 mila settatori di media.

NON PIACE (Camp) - In trasferta invece l'attrattiva  per la squadra  non riflette certo il prestigio che riscuote nel mondo la Maison di Re George:  nelle 11 gare esterne 69.121 spettatori, media 6.293 , solo 2 volte oltre i 10.000 (10.279 a Madrid dove da mezzo secolo è una classica, 10.358 a Belgrado perchè con i 5 slavi di Milano era un mezzo derby).  Gelida Krasnodar con 1.176 spettatori nella più brutta sconfitta stagionale, una buona occasione per aprire un punto-vendita Armani sulle rotte di Marco Polo.

LBA PARADE
PIACE   (Capp) - Dolomiti Trento si stà dimostrando una società super. Il Presidente Longhi e il GM Trainotti non hanno mosso una virgola quando le cose andavano male, Buscaglia ha potuto lavorare con tranquillità e sono arrivate cinque vittorie consecutive .
PIACE (Camp) -  Ma non dimentichiamo di dare a Sutton quel che è di Sutton.  E  quando Trento ha messo mano al portafogli per riportarlo all'ovile l'effetto son state le 5 vittorie.. Un americano catalizzatore del gioco e del carattere può fare differenza nelle squadre che non sono di primissimo piano. Guardiamo Marcus Landry il profeta  della scalata di Brescia: non una star nella NBA e meno quotato del fratello Carl, finito in Spagna in una squadra-materasso,  una superstar nella Spaghetti League dove è il top-scorer e fa tante cose che in altre realtà non gli erano permesse in altre squadre. Il merito è anche del supporto umano  datogli dal suo club, non è facile girare il mondo con tre figlioletti sulle spalle ( e fin dai tempi del college...), spesso si guarda ai numeri, all'iimmagine platinata, agli stereotipi , poco alla persona. Adesso i tifosi di Milano si chiedono perchè non predere uno con le sue caratteristiche, un leader vero. Lo stesso vale per Luca Vitali. E  lo dico adesso: se vogliamo costruire una solida  piattaforma per rilancio azzurro, bisogna fare delle scelte, e la prima è quella di affidare al bolognese, nel punto più alto della sua evoluzione , la regia della squadra azzurra. Penso sia questa la chiave del  prossimo quadriennio e nel "passo indietro " che Aradori ha suggerito per raccogliere frutti con questa nazionale. Il basket italiano  è di fronte al proprio Rubicone: dovrà tirare le somme fra attese e risultati (oggi modesti) e  andrà allo sconto l'età del trio NBA,  passando attraverso due europei,  e  un mondiale e un'Olimpade per il quale dobbiamo ancora qualificarci.
NON PIACE - Questa settimana brutte notizie per Messina gli italiani di Reggio Emilia tutti insufficienti con Aradori che dopo l'infortunio non riesce a tornare in forma. L'unico che continua a dominare il campo è il bresciano Luca Vitali super contro Avellino sia in regia sia al canestro.

PASSO FALSO
NON PIACE (Capp) -   Barcellona e Olimpia Milano hanno dimostrato il perché non passano il turno di Euroleague: sono squadre assai forti, ma sempre nell'ambito della partita hanno dieci minuti di notte profonda?
NON PIACE (Camp) - Toni, stavolta mi deludi: non hai spiegato la ragione di questo "cortocircuito" ricorrente. Sar d'obbligo la tua analisi la prossima settimana!. Per tutta la stagione ho detto e ripetuto che l'Olimpia non era da Final four, Repesa aveva costruito in  fotocopia  la squadra di Malaga nella sua ultima apparizione in Euroleague (dove guarda caso aveva puntato su Simon e Dragic e un pivot slavo di modesto livello internazionale). Inoltre mancava di un asse sicuro play-centro, Kalnietis non sa leggere il gioco contro le difese schierate,  va bene per il gioco in velocità  della nazionale lituana, in Coppa non è mai stata una star. Poi Radulijca e Hickman erano reduci da una stagione no con squadre di vertice, solamente Gentile poteva essere il punto d'equilibrio fra i due blocchi slavo-americano,  ma il club dope averlo incensato come le "dieu donnè" gli ha tolto i gradi tenendolo a bagnomaria invece di cederlo subito e cambiare squadra.  In ultima analisi, dicevo che la tanto decantata "corazzata" poteva essere da 6°-8° posto ma dove superarsi per nascondere le sue debolezze.

NON PIACE (Capp)  - I giornali stanno snobbando il campionato: Corriere della Sera e Repubblica basket in tutte notizie , Corriere dello Sport solo i tabellini e due mini articoli, solo la Gazzetta dello Sport due pagine con richiamo nelle edizioni regionali.
NON PIACE (Camp) - Toni, parliamo dunque dei media. Siamo di fronte a casi estremi, chi poco e chi (forse) troppo.  La realtà e le logiche dei due grandi competitor della stampa d'informazione e politica hanno miniaturizzato il basket, ma poco come dicono gli inglesi "less as best". La Gazzetta è stata la prima dare una pagine a e poi due al basket. Poi c'è l'impatto sui lettori:  il consenso si crea non soltanto  con lo spazio, ma dipende dall'opinione, le notizie, l'innovazione. E qui  devi fare i conti col marketing e la pubblicità e magari qualche telefonata ai vertici per una parola o una virgola sbagliata. Negli anni in cui ho avuto la responsabilità del basket puntavo sulla continua innovazione e sullo scoop, idem anche con la mia direzione di  Superbasket  con Cazzola al suo vertice che decise di far uscire la prima rivista di basket NBA in Italia. Vado fiere di due rubriche: in quel SB che lanciava giovani penne. La prima era  il "Bestiario" dove ironizzavo sulle virtù e difettucci della nomenklatura. Definii un potente dirigente "due baffi nel nulla" e come oggi sarebbe sarebbe divertente se uscita dalla bocca di Crozza e Gnocchi, perché è un vanto e non insulto  essere citati dai due. La seconda era  il Giro del Mondo in 7 giorni che affidai a Francesco Piccolo, adepto brillante di Aristofane. A volo d'uccello commentava i fatti della settimana. In una partita il Niccolai Andea di Montecatini fece un autocanestro, Francesco preparatisissimo nello scibile sportivo  scherzò su quel "vizietto"  caro  ai Niccolai di quello spicchio di terra  toscana che  in precedenza già aveva scritto una pagina storica  nel calcio quando Comunardo, difensore del Cagliari, divenne popolare per il fuoco amico. E querelato fui...Qualche anno fa incontrai i buon Comunardo, mi presentai, gli rammentati l'episodio e gli chiesi quale fosse più "fiero" fra i suoi due autogol, quello di Cagliari e una querela data. Divenne paonazzo, mi confidò che la sua signora sentendosi offesa aveva preteso la querela. "Se l'ha fatto per rinsaldare il matrimonio, capisco sua moglie, le faccia quindi le mie congratulazioni", dissi.. Balbettando si scusò, ripeteva che lui non l'avrebbe proprio voluto.  Succede però  che queste cose  comportano anche  spese, viaggi,  legali e quant'altro, tutto a mio carico. Fra l'altro ad oggi non ha ancora capitolo il perchè l'apertura del fascicolo sia stato istruito a Pistoia, residenza del Niccolai, invece che nel "locus delicti" a Bologna, sede della mia testata. Come  norma di quei tempi. Nel frattempo Francesco PIccolo è diventato  ..."grande" e  famoso (e gli auguro  ricco), vende migliaia di copie e magari anche stessa lady Niccoai ha letto il libro col quale ha vinto il Premio Strega, è lo sceneggiatore di un regista come Nanni Moretti, è spesso in Tv per parlare di cose serie.  E pur con l'amarezza della cosa,  risolvibile  con una semplice chiacchierata  a quattr'occhi senza far perdere tempi ai giudici oberati dal lavoro per cose ben più importanti,   considero quell'impiccio un "piccolo"  investimento  e un contributo per migliorare la saldezza e  lo stile della nostra professione. Ma c'è certo di peggio, in giro, come fare un copia e incolla e riportare cifre e numeri di un articolo e appropriandosene impunemente senza citare la fonte, e magari poi criticare l'autore. Con tutti quei colleghi che siedono sulla camere, un occhio a quanto succede nel web trasformerebbe una jungla in una web-force dal valore sociale e civico straordinario. Una "massa critica" che in altri paesi fa la differenza e che potrebbe compensare il calo delle vendita dei giornali, perdita culturale e democratica di non poco conto. Qualsiasi la testata e la sua linea politica. 
                                                                                         
IRON MAN
PIACE (Capp) -   Carlo Recalcati poteva tornare ad allenare a Cantù. Milanese, nasce come giocatore nel collegio dietro l'Arena, e si trasferisce a Cantù dalla famiglia Allievi dove gioca in serie A dal 1962 al 1979. Vince due scudetti nel 1967/68 con Borislav Stankovic, primo assouto della Pall.Cantù,  e nel 1974/75 con Arnaldo Taurisano . Allena la squadra dal 1984 al 1990. Vive da sempre a Cantù, si sente canturino.
PIACE (Camp) - NBA all'ultima boa, mancano 22/23 partite. Golden State ipoteca  il 1° posto all'Ovest col miglior record (sfiorati il 90% sono scesi all'84,7), meno scontato il sucesso dei campioni uscenti  all'Est anche se i Cavs (41/17, 70,1)  vincono le gare che devono vincere,  ma nel ranking hanno meno successi di Spurs (45) e  Rockets (42). La sorpesa sono i Rockets, pricinpale delusione i Nets del russo Prokhorov  che solo 3 anni fa avevano investito 400 milioni nel mercato per vincere il titolo
 
PALLA AVVELENATA 
PIACE (Capp) - Al Collegio di Garanzia del CONI rinvio a data da destinarsi per i ricorsi MPS Siena e i vari tesserati contro la revoca degli scudetti senesi. Nessuno vuole prendersi la briga di decidere, andremo alle calende greche.

NON PIACE (Capp)  - L'ex capo del Settore dei Lavori pubblici del Comune di Vado Ligure, come scritto dl Corriere e dal Giorno,  obbligava le società che partecipavano agli appalti pubblici,  dovevano sponsorizzare la squadra locale il Riviera Vado basket  C silver.
 
GLOBAL BASKET
PIACE (Capp)- Bello spettacolo domenica su Sportitalia con la  Finale di Coppa Italia femminile. Vince Famila Schio la squadra di Mauro Procaccini fatica i primi due quarti.  poi domina la squadra cara a Lidia Gorlin. Nello Schio domina l'astro nascente della pallacanestro femminile ventunenne Cecilia Zandalasini ,1,82 gran fisico e ottima tecnica invidiabile pavese nata nel vivaio Geas Sesto,;  rinverdirà le imprese di Bocchi e Bozzolo.  
PIACE (Capp) - Il Comune di Bologna ha deliberato la ristrutturazione e la riqualificazione energetica e impiantistica del Palazzo di Piazza Azzarita. Come sempre a Bologna sono avanti.... il Comune di Milano potrebbe imparare,  vero Assesora Gauineri !!!!!!!!!!!!!!!!!
PIACE (Camp) - La nuova piattaforma  delle competizioni  FIBA,  messa a punto per lo sviluppo del basket mondiale, il "FIBA Competition System ", parte con un storico accordo collaborazione   di ben 11 anni (2017-2027) con la Nike riguardante le competizioni interazionali maschili e femminile  delle squadre maggiori e giovanili e gli eventi tradizionali dei calendari nazionali. Obiettivo ambizioso è innalzare l'interesse per il Mondiale in Cina 2019  (Basketball World Cup) e   con 32 squadre e 8 città  (finali a Pechino) e portarlo ai livello del calcio e sviluppare il mercato asiatico ancora molto interessante come sviluppo. E si parla nel comunicato lanciato in contemporaneo dalla Svizzera e dall'Oregon  anche delle Coppe Europee, anche se al momento  il problema è complesso e può essere risolto  soltanto trovando  accordo col Consorzio Eurolegue/Eurocup  e i loro partner per armonizzare regole, criteri di partecipazioni, date. I apporti sono fermi  alla Corte di Giustizia europea, dove  sono stati presentati due distinti esposti, ma si potrebbe aprire una fase diplomatica di disgelo auspicata da tutti, per evitare una doppia gestione che nuoce a tutto il movimento. Comunque grosso colpo di Baumann con le sue 213 federazioni internazionali e la Nike, il brand leader dell'abbigliamento, scarpe, accessori che si è assicurata  i Mondiali maschili e femminili e giovanili U19 e U17, le Qualificazioni Olimpiche de 2018-19, tutti i campionati continentali. Cioè un regno sul quale il sole non ramonta mai sulla scarpa di Jordan e LeBron. 
PIACE (Camp) - Due italiani della squadra U18 che ha vinto il bronzo europeo a Samsun  figurano fra i migliori  prospetti internazionali del ranking  compilato dagli scout americani per il draft: per la classe '98 Davide Moretti (Treviso, 25/3/98, play-guardia) inserito nel "quintetto ideale" dell'Europeo U18 (medaglia di bronzo) è al 15° posto;  per la classe  '99 "honorable mention" per il napoletano Guglielmo Caruso (PMS, 3/7/99, power forward).
PIACE (Camp) - I tre migliori gioielli europei del '99,  Luka Doncic (Real Madrid), Dzenan Musa (Zagabria) e Pecarski (Serbia) saranno eliggibili per il draft 2018 e Doncic potrebbe essere chiamato come n.1 assoluto. Pecarski è nato a Cantù quando il padre giocava come straniero.

QUESTION TIME
-Il presidente di Lega si è sbilanciato sulla stampa dando per sicuro 2  squadre in Eurocup  e probabile una terza, la FIP rispetterà il veto FIBA o deciderà  per conto suo e con quali criteri?
- Se nella Convenzione FIP-LEGA non è specificato il criterio di partecipazione alle Coppe, è tacito che si procede secondo il merito sportivo, vale dire l'ordine di classifica?
- La squadra che vince l'Eurocup è premiata con una licenza temporanea per l'Euroleague, è logico e giusto  per diritto di primogenitura che  la partecipazione  vada a chi ha giocato  la finale scudetto, sia vinca o perda l'Olimpia che tiene una licenza A?
- A proposito della volontà di Tanjevic di voler fare il presidente del basket  per  con un limite di  4 stranieri ai club,  è sicuro che coi tagli tecnici alla fine non diventeranno ben 8?
- Per quai ragioni nel sito di Lega non sono figurano  i nomi delle terne arbitrali di alcune partite di Final Eights di Rimini?
 
INFO CAMP
PIACE - Per l' Euroleague giovedì Baskonia-Armani.  Calendario 24a g.  Giovedì 2 marzo: KAUNAS (ore 18): Zalgiris-Fenerbahce (and, 68-82);  ISTANBUL (18.45): Galatasaray-Real Madrid (a, 81-90; BELGRADO (19): Stella Rossa-Brose (a, 79-79); TEL AIV (20.05): Maccabi-Olympiacos (a., 80-73) VITORIA (21): Baskonia-Armani (a., 76-88). Venerdì 3 marzo: KAZAN (17): Unics-Efes (a,, 99-104); ISTANBUL (18.15): Darussafaka- Panathinaikos (a, 80-86); BARCELLONA (21): Barcellona-Cska (a., 76-92). Classifica: 18/5 Real Madrid; 17/6 Cska Mosca; 16/9 Olympiacos; 15/8 Fenerbahce;  14/9 Panathinaikos; 13/10 Stella Rossa Belgrado; 12/11 Efes Istanbul, Baskonia Vitoria; 11/12 Darussafaka; 10/13 Zalgiris Kaunas; 9/14 Barcellona; 8/15 Brose Bamberg, Maccabi; 7/16 Unics Kazan, Galatasaray Istanbul, Armani Milano. 
PIACE - Eurocup, 1° turno quarti di finale (al meglio di 3 gare: VALENCIA-Khimki Mosca 88-82 (19 San Emeterio; 24 Shved); LOK.KUBAN Krasnodar-Zenith San Pietroburgo 75-72; BAYERN Monaco-Unicaja Malaga 91-82; HAPOEL Gerusalemme-Herbalife Gran Canaria 87-57 (20 Dyson, 14 Stoudemire; 12 McCalebb).Record di rimbalza offensivi di Valencia, 27 sui totali 57.
PIACE - Siamo agli ottavi di FIBA Champions League (al meglio di 3 gare), Avellino  entra in gioco ospitando la Reyer Venezia che come Sassari ha superato iu turno di pareggio grazie al saldo positivo del doppio incontro. Nel caso di 1/1  bella 8 marzo sul campo della meglio classificata. Stessa formula per designare  le partecipanti della Final Four che si contenderanno il primo trofeo. Il Calendario. Martedì 28: AEK Atene-Monaco 69-68; PAOK Salonicco-Tenerife 66-63; EWEOldenburg-Banvit 82-82. Mercoledì 1 marzo: Pinar Karsiyaka-Besitkas (18); Aris Salonicco-Asvel Villeurbanne (18.30); Riesen Ludwigsburg-Neptunas Klaipeda (20); SASSARI-Le Mans (20.30, 7 marzo gara2 ore 18.30); VENEZIA-Avellino (20.30, 8 marzo gara2 20.30)
PIACE - Dopo la prima il Real Madrid ha vinto anche la seconda edizione della Novipiù Europe Cup di Moncalieri (Torino) vetrina giovanile del più alto livello con molti figli d'arte (Perasovic, Marciulonis, Erden, Nakic). MVP con 20 punti il croato Mario Nakic, il  cui padre  giocò anni fa  nel Rea (ea Udine)  uno dei gioielli  del Real-baby nel quale spicca anche il moro Usman Garuda.Finale 1°-2°: Real-Cibona Zagabria 76-67; 3°-4°: Fenerbahe-Reggiana 84-53; 5°-6°: Lituania-Novipiù 77-71; 7°-8°: Spalato-Brsoe 76-52. Quintetto ideale: Karbilen (Fene), Prkacin (Cib), Garuda (Real), Rudan (Cib), Nakic (Real).
PIACE (Camp) - Questi i vincitori del premio "I migliori del Mese" della Serie A-2 Girone Est: Ottobre: Antimo Martino (OraSì Ravenna). Novembre: Alberto Martelossi (Dinamica Generale Mantova). Dicembre: Alessandro Ramagli (Segafredo Virtus Bologna). Gennaio: Matteo Boniciolli (Kontatto Fortitudo Bologna)
 
VIALE DEL TRAMONTO 
NON PIACE (Camp) - La battuta che nel basket di italiano c'è ormai solo l'inno di Mameli ... trova riscontro dall'ultimo rapporto - agghiacciante -  dell'Associazione Giocatori Italiani (GIBA, la B sta per Bastonati?) alla fine del girone d'andata. Verte sul minutaggio dei giocatori italiani: la media continua a scendere, è del 27,60, ma contndo i punti segnati, l'indice si abbasserebbe ancora. Si specifica che  le media-italiana è calcolata sui giocatori che stanno in campo almeno 15 minuti (meno di metà gara... ) che sono soltanto 29 sui 192 totali dei 16 roster. Cioè meno di 2 per squadra per un'incidenza del 16,9.   Le eccezioni "virtuose" sono Reggio Emilia (69,51), Pistoia (45,48), Cremona (40,2), Brescia (35,0) e Milano (32,30) che nell'ultimo turno ha vinto per la prima volta con  italiani  migliori marcatori
NON PIACE (Camp) - Vero che l'ossatura dei nazionali gioca nella NBA (Gallinari e Belinelli) o in Europa (Bargnani, Datome, Melli, Gentile, Hackett),  ma in previsione della voltata finale per i playoff è scattata una campagna di rafforzamento di tipo "usato-sicura" a vedere il passporto di uoi

FRASI CELEBRI
PIACE  (Capp) - Gennaro di Carlo ( Capo d'Orlando): " Vittoria che consolida il nostro sogno playoff"
PIACE (Capp) - Paolo Lepore (Cremona): "Spero non si dica, come al solito, si è vinto per demeriti degli altri"
 PIACE (Camp) - PIETRO ARADORI (Gazzetta):" Abbiamo raccolto meno di quanto valiamo in realtà ma non è sfortuna. semplicemente non abbiamo mai fatto un passo indietro in campo per aiutarci e veniri incontro.  Parlo di tecnica e non di feeling tra di noi, quello è sincero e non si tocca. Ora dobbiamo tradurre le parole in fatti". Discutendo con Bianchini alla vigilia di ogni evento internazionale ci troviamo d'accordo su un punto : cercare di capire se c'è una (latente?) tendenza nel ritenere e/o usare gli italiani come  vassalli di quelli NBA.. Da qui un'incrinatura  che, quando le cose vanno, male diventa un solco di incomunicabilità. E una delle possibili cause di risultati inferiori alle attese. L'Arcitaliano di questa nazionale, Aradori, non ha voluto mandare un messaggio cifrato, ma  stavolta sarà più saggio andare agli europei con un'ottica diversa, in campo siamo tutti italiani.

Cappellari Campana

ARTICOLI CORRELATI:

La Dinamo Sassari non si fida dell'ex
La Dinamo Sassari non si fida dell'ex
Reggio Emilia si mobilita per ricordare Bryant
Reggio Emilia si mobilita per ricordare Bryant
Dan Peterson ricorda l'uomo Kobe Bryant
Dan Peterson ricorda l'uomo Kobe Bryant
Basket, metà serie A multata
Basket, metà serie A multata
L'Olimpia riporta Crawford in Italia
L'Olimpia riporta Crawford in Italia
Basket, minuto di silenzio per Kobe Bryant
Basket, minuto di silenzio per Kobe Bryant
 
Tutti in pista con Giulia Colombo
Le foto di Stefana Veljkovic
Rihanna incanta lo Stadium
Bellissime a Eicma 2019: Giorgia Capaccioli