Euroleague amara per gli italiani

27 Febbraio 2016

Il Panathinaikos grazie al debutto dell'ex NBA (a 26 anni 5 maglie diverse!) Elliott Williams (14 punti e il sottomano più tiro libero finale) ferma la corsa del Fenerbahce che riesce almeno a lasciare Atene col saldo positivo (+2)  e grazie alle sette vittorie dell'andata ha già un piede nei playoff. E' del Real Madrid l'unica vittoria esterna, anche se non facile contro il Bamberg di Andrea Trinchieri e Melli. Il Real  chiude il doppio confronto sul 2/0 e conferma  l'ottimo momento di forma  a pochi giorni nel trionfo nella Copa del Rey e più che mai deciso ad arrivare alla finale di Berlino per difendere il trofeo che è dato dalle agenzie di scommesse a 3, la miglior quota.

Anche le due vere sorprese di questa stagione hanno doppiato il successo dell'andata: i russi del Lokomotiv Kuban e gli spagnoli del Laboral sono "squadre mosaico" frutto di un mercato indovinatissimo. Per i russi, il secondo posto dietro al Fenerbahce, intanto tanto di cappello per l'arrivo di coach Bartzokas  al posto di Serghi Bazarevic. Oltre all'unico greco ad aver vinto il trofeo continentale (con l'Olympiacos), la scelta dell'americano, Anthony Randolph, MVP della giornata con 43 di valutazione e 28 punti (high stagioni). Ancora tutto da scoprire per aver giocato l'anno passato l'Eurocup, l'atletico e ancor giovane (2,11 e 26 anni  power forward  di LSU (New Orleans) ha lasciato la NBA con ottime esperienze (Warriors, Knicks, Minnesota e  le ultime due stagioni a Denver) e non usurato, al secondo anno in Russia sta assicurando  al Lokomotiv 15,6 punti di media col 61% al tiro e 5.4 rimbalzi. Pericoloso sotto canestro e preciso dalla lunetta.

Per il Laboral l'incredibile rilancio del veterano Bourousis, scaricato dall'Olympiacos, Armani e Real Madrid. Arrivato in Baskonia ha fatto collezione di doppie-doppie e trovato in Vitoria la libertà necessaria per far risaltare il suo talento "ignorante". Coach Perasovic gli consente però  anche di tirare da 3 punti venendo ripagato coi risultati dal suo gigante che dopo gli europei aveva annunciato il suo ritiro dalla nazionale, ma forse potrebbe ripensarci ed essere un avversario pericoloso dell'Italia nel preolimpico di Torino. I canestri del sornione Yannis che sembra sempre venirti incontro con un sbadiglio hanno portato la sua squadra a vincere in Eurolega a Madrid e Barcellona e ora in testa alla classifica el Girone F  dopo la prima di ritorno delle Top16 nonostante   qualche intoppo nella gara di giovedì sera con lo Zalgiris in vantaggio dopo 3 tempi per 53-45 ma poi travolta nel quarto finale con 26/12 dai giocatori del croato Perasovic.

Importanti vittorie di Barcellona con l'Olympiacos , del Cska nel derby col Khimki e di Stella Rossa con l'Efes che hanno ribaltato i verdetti dell'andata  e prodotto il  saldo attivo nel match diretto che potrebbe valere nel caso di parità di classifica il passaggio ai playoff (promosse le prime 4 dei due gironi). In disarmo Malaga, la sorpresa nella prima fase della stagione , fino a quando una catena di infortuni  ha provocato una discesa a picco proseguita nella brutta sconfitta in Turchia con la matricola turca del Darussafaka, con  55 punti  e 23 di scarto.

Fra i debutti della giornata, oltre a Williams nel Panathinaikos anche Marquez Haynes (6 punti su tiri libero) preso da Sassari  e sacrificato prima della Coppa Italia per ragioni tecniche  che al momento non hanno dato risultati concreti. Ma questo è il suo destino, in precedenza da Milano  lo  mandò  a Siena come contropartita per  l'arrivo di Daniel Hackett e fece bene, mentre l'operazione fu ancor più brillante per Milano che vinse lo scudetto).  Intanto Djordjevic, che ha battuto per la prima volta il suo maestro Obradovic col quale vinse da play del Partizan la sua prima Coppa dei Campioni, ha rivoluzionato praticamente tutta la squadra.

L'Olympiacos partita fortissima e irriconoscibile dopo l'operazione al ginocchio di Patrick Young, il miglior centro della stagione,  ha firmato con Kim Warrick, 2,06, 33 anni, finito in Cina e Australia dopo aver giocato  ben 526 partite nella NBA (9,4 punti e 4 rimbalzi;14,2 e 6 rimbalzi a Melbourne, l'ultima squadra). Può essere più di una buona pezza, anche se il problema adesso è la trazione posteriore dove fra 5 opzioni coach Sfairopoulos non si riesce a trovare la chimica giusta.

Vassilli  Spanoulis, icona del basket greco, ha perso il graffio e la sicurezza nel tiro da 3 (21%, 11 punti di media). Il play Mantzaris ha perso la tigna (0 punti come starter a Barcellona), l'ex canturino Odom-Johnson arrivato a metà stagione dalla Turchia è un centauro ma non un play vero. Dicasi lo stesso di Daniel Hackett top score contro i blaugrana anche se i 16 punti hanno pesato quanto le 6 palle perse…

Infine è riapparso il figliol prodigo Papanikolau, 1 punto solo, ed era scontato fosse così nel doversi ritrovare al suo ritorno in Europa proprio nel posto per lui più scomodo, Barcellona, lamentando di aver piantato in asso la squadra catalana per andare nella NBA per uscire con le ossa rotte. Inutile ai Rockets che gli avevano promesso tanto e spersonalizzato questa stagione a Denver.

Per uno strano groviglio del destino, Papanikolau  si è trovato anche come avversario Joey Dorsey, suo compagno ai tempi di Barcellona  e ancor prima nell'Olimpiakos del trionfo europeo. Proprio colui che gli procurò il contatto coi Rockets e che venerdì notte tornava ad indossare la maglia blaugrana per l'operazione al ginocchio di Shane Lawal. Il veterano della NBA, disponibile sul mercato avendo litigato col suo allenatore (Ataman), al Galatasaray ha giocato una buona partita. Dunque mossa indovinata. Il Barcellona privo di Abrines (appendicite) e sulla graticola dopo l'eliminazione bruciante con Bilbao nel primo turno di Copa del Rey è uscito da un esame delicato anche grazie a un altro ex dell'Olympiacos, Stratos Perperoglu, personaggio comunque minore rispetto ai big che ha trovato la sua serata di gloria, anche se la cosa più bella è stata un canestro spettacolare a fil di sirena dell'intramontabile Juan Carlos Navarro.

Per quanto riguarda gli italiani, prima giornata con tre sconfitte su tre. Daniel Hackett comunque se la sta cavando anche nel momento più brutto dell'Olimpiacos  e in fondo è la più "potabile" fra le troppe opzioni che si sovrappongono nel suo ruolo. Niccolò Melli con 10 punti, 2 canestri su 5 da 2 e 3 e 7 rimbalzi, ha dato il suo contributo nel tenere vive le speranze di una vittoria vitale per arrivare fra le prime quattro. Ma il finale non è stato ben benigno, il match si è risolto in volata  grazie ai liberi, ai 18 punti e al mestiere dell'incredibile 35enne capitano del Real, Felipe Reyes, e per una stoppata "topica" di Gustavo Ayon su Wanamaker il giocatore-chiave di Trinchieri.

Per Datome 7 punti nella bolgia dei 18 mila di Atene, ma la squadra era stanca per la grande fatica della settimana scorsa necessaria per riconquistare la Coppa di Turchia. E comunque ha almeno salvato il saldo che può valere il primo posto nel caso di una rimonta del Panathinaikos.

Un nuovo arrivo per il prossimo turno anche per l'Efes che per puntellare  gli alti e bassi di Huertel, il suo play francese  (1/7 e 6 perse ma 11 assist): ha chiamato dalla sua squadra satellite Eljihah Johnson, 193, 25 anni, 22,3 unti e 5,2 rimbalzi.

Il MVP della giornata Anthony  Randolph, in passato vincitore del titolo NCAA con Syracuse, è alla sua prima tripla: 43 valutazione, 28 punti, 13  rimbalzi. Negli assist Tyrese Rice (Khimki)per la terza volta in doppia cifra nelle Top 16 (12 rimbalzi, 8,4 di media) ha assicurato il suo contributo nel derby col Cska  la gara più spettacolare della giornata :206 punti, 235 di valutazione, 19 punti di cavallo pazzo Teodosic nel ruolo di match winner partendo dalla panchina.

TOP 16 Ottava giornata

GRUPPO E

Istanbul (4783 spett): DARUSSAFAKA Dogus-Unicaja Malaga 78-55 (a. 62-70,1-1 +15; Valutazione: 95-52; 21 L.Harangody 5/9 3/3 da3 8r val26; 13 M.Kuzminskas 2/3 da3 6r v13; MVP: 26 HARANGODY, Usa) Krasnodar (2814 spett): LOKOMOTIV KUBAN-Cedevita Zagabria 87-73 (a. 89-75, 2-0; Valutazione 111-52; 28 A.Randolph 9/10 1/4 da3 tl7/10 13r 5a val43, 4 M.Delaney 10a val19; 11 M.Bilan 5/10 0/1 da3 tl1/4 6r val11;MVP: 43 RANDOLPH, Usa)

Atene (18200 spett): PANATHINAIKOS-Fenerbahce Istanbul 76-71 (a. 75-82,1-1 -2; Valutazione 80-75; 14 E.Williams 4/9 0/3 da3 tl 6/6 val10; 19 E.Udoh 7/12 tl5/5 7r 3st val24, 7 G.Datome 2/6 1/1 da3 3r 3a 1re 2pe val6 18'55"; MVP: 24 UDOH, Usa)

Belgrado (4961 spett): STELLA ROSSA-Efes Istanbul 91-82 (a. 84-85, 1-1 +8; Valutazione 101-92; 15 Q.Miller 5/12 0/3 da3 tl5/8 5r, 14 M.Zibes 4/7 tl6/6 9r 2a val23; 19 D.Saric 5/7 1/3 da3 tl6/6 8r 3a val27, 2 T.Heurtel 1/5 0/2 da3 11a 6pe; MVP: 27 SARIC, Cro)

CLASSIFICA: 7/1 FENERBAHCE; 6/2 Lok.Kuban ; 5/3 Stella Rossa, Panathinaikos; 3/5 Efes; 2/6 Darussafaka, Unicaja Malaga.

PROSSIMO TURNO (9.a g) – 3 marzo: Cedevita-Darussafaka (a.79-72) ore 19, Efes-Lokomotiv (a. 77-78) ore 20.45, Unicaja-Panathinaikos (66-68) ore 20.45; 4 marzo: Fenerbahce-Stella Rossa (88-65) ore 19.30.

GRUPPO F

Mosca (10543 spett): CSKA-Khimki 108-98 (a. 89-91, 1-1 +8; Valutazione: 124-111; 26 M.Teodosic 1/2 6/9 da3 tl6/6 3r 3a 4pe val27, 19 N.De Colo 1/6 4/8 da3 4r 8a 2 re val28, 10 V.Khryapa +12r; 18 T.Rice 4/10 2/8 da3 4r 12a val18; MVP: 28 DE COLO, Fra)

Bamberg (8200 spett): Brose-REAL MADRID 86-90 (a. 79-81, 2-0; Valutazione 83-103; 20 D.Miller 4/4 4/5 da3 val20, 10 N.Melli 2/5 2/5 da3 7r 2a 32' val13; 21 S.Llull 1/2 6/8 da3 tl1/1 4r 2a val25, 18 F.Reyes 1/3 3/4 da3 tl7/8 3r 3a val23, 4 S.Rodriguez 10a; MVP: 25 LULL, Spa)

Vitoria (10649 spett): LABORAL KUTXA-Zalgiris Kaunas 71-65 (a. 89-68, 2-0; Valutazione 83-53; 17 D.Adams, 16 Y.Bourousis 3/6 1/6 da3 tl7/8 11r val22; 13 P.Jankunas 6/10, 13 I.Vougiokas 5/15 13 r 8a val12; MVP:  22 BOUROUSIS, Gre)

Barcellona (6279): BARCELLONA LASSA-Olympiacos Atene 82-66 (a. 62-74,1-1 +4; Valutazione 92-54;  16 S.Perperoglu 2/3 3/5 da3 tl3/3 6r val21,14 T.Satoranski 4/4 2/4 da3 5a val20, 12 J.Dorsey 6/8 8r 3a 3re 21' 20val; 16 D.Hackett 2/5 2/2 da3 tl6/6 2r 1re 6pe val12, 12 G.Printezis 4/7 1/2 da3 7r val19; MVP: 21 PERPEROGLU, Gre)

CLASSIFICA: 6/2 CSKA, LABORAL; 5/3 Real Madrid; 4/4 Barcellona, Khimki; 3/5 Brose, Olympiacos; 1/7 Zalgiris.

PROSSIMO TURNO – 2 marzo: Real-Cska(a. 81-95) ore 20.45; 3 marzo:  Khimki-Barcellona (a. 70-87) ore 18; 4 marzo: Zalgiris-Brose (a. 63-96) ore 18.45; Olympiacos-Laboral (a. 81-95) ore 20.45

————————-  

A cura di Enrico Campana

©

ARTICOLI CORRELATI:

©E' morto Dado Lombardi
E' morto Dado Lombardi
©Reggio Emilia intitola una piazza a Kobe Bryant e alla figlia Gianna
Reggio Emilia intitola una piazza a Kobe Bryant e alla figlia Gianna
©Gianmarco Pozzecco vede Sassari e Trieste molto simili
Gianmarco Pozzecco vede Sassari e Trieste molto simili
 
Coppa Italia, Lazio ai quarti di finale: le foto del match
Juventus-Napoli 2-0, le pagelle
Inter-Juventus 2-0, le pagelle
Le pagelle di Lazio-Roma 3-0
Supercoppa alla Juve, le foto
Serie A: le foto di Roma-Inter 2-2