Simona Halep resta sola

"Ci ho pensato parecchio e ho deciso di non avere un allenatore" ha fatto sapere la rumena.

halep

Restare senza coach all'inizio della prossima stagione: è la scelta di Simona Halep.

La rumena preferisce affrontare da sola alcuni tornei. La numero uno del tennis femminile è stata seguita fino a qualche settimana fa da Darren Cahill, ma il coach australiano ha scelto di prendersi un anno sabbatico per trascorrere più tempo con i suoi figli e quindi la 27enne di Costanza è rimasta da sola.

"Ci ho pensato parecchio ed ho deciso di non avere un allenatore, almeno per ora - ha dichiarato la Halep a un giornale rumeno secondo quanto riportato dal sito della Federtennis -. Voglio giocare alcuni tornei da sola e vedere come va".

Quest'anno la rumena ha conquistato a Parigi il suo primo Slam ed è stata praticamente sempre in vetta al ranking a esclusione delle quattro settimane - tra la fine di gennaio e febbraio - di Caroline Wozniacki seguite al successo della danese agli Australian Open.

ARTICOLI CORRELATI:

Berrettini pazzesco: trionfa a Stoccarda
Berrettini pazzesco: trionfa a Stoccarda
La svolta di Marco Cecchinato
La svolta di Marco Cecchinato
Rafa Nadal svela un retroscena
Rafa Nadal svela un retroscena
Thiem vince la battaglia e vola in finale, Djokovic furente
Thiem vince la battaglia e vola in finale, Djokovic furente
Djokovic-Thiem si chiuderà sabato
Djokovic-Thiem si chiuderà sabato
Un super Nadal stronca Federer
Un super Nadal stronca Federer
Djokovic senza pietà con Zverev
Djokovic senza pietà con Zverev
Thiem vince facile su Khachanov
Thiem vince facile su Khachanov
Emozione Fognini:
Emozione Fognini: "Coronato un sogno"
 
Le foto piu' belle di Camila Giorgi
Kinsey Wolansky, la star della finale di Champions League
Beatrice Bonfanti mantiene la promessa
L'altra Belén sfida la Rodriguez
Luciana, juventina senza limiti
Ashley Vee ha un sogno a quattro ruote
Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia
Fabiana Britto rossonera da urlo
Milca Gili: una 'diavoletta' perfetta