La Wta difende la Williams: "No al sessismo"

Il duro sconto tra Serena e il giudice di sedia durante la finale dell'Us Open continua a far discutere.

Williams

Gli Us Open 2018 si sono chiusi consacrando tra gli uomini Novak Djokovic, che ha raggiunto Pete Sampras a quota 14 Slam, e la giovane Naomi Osaka tra le donne. La finale femminile ha però lasciato pesanti strascichi polemici dopo lo “show” cui ha dato vita Serena Williams, scontratasi con il giudice di sedia per un punto sottratto, fino all'accusa di insulti sessisti.

A scendere in campo a favore della tennista americana è però nientemeno che la Wta, attraverso le parole dell’amministratore delegato Steve Simon, che di fatto sostiene le accuse di sessismo di Serena: "Bisogna capire se vengono applicati standard tra uomini e donne nell'officiare le partite".  

“Non dovrebbero esserci differenze nella tolleranza fra uomini e donne – ha aggiunto Simon -  È necessario garantire che tutti i giocatori siano trattati allo stesso modo".

ARTICOLI CORRELATI:

Australian Open, la finale è Osaka-Kvitova
Australian Open, la finale è Osaka-Kvitova
Fognini accontentato: non va in India
Fognini accontentato: non va in India
Serena Williams fallisce 4 match point: eliminata
Serena Williams fallisce 4 match point: eliminata
Australian Open, cade anche Zverev
Australian Open, cade anche Zverev
Australian Open: Tsitsipas elimina Federer
Australian Open: Tsitsipas elimina Federer
Australian Open, avanzano Fognini e Giorgi
Australian Open, avanzano Fognini e Giorgi
Australian Open, Federer sul velluto
Australian Open, Federer sul velluto
Cecchinato si fa male da solo
Cecchinato si fa male da solo
Australian Open, bene Fognini e Giorgi
Australian Open, bene Fognini e Giorgi
 
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia
Fabiana Britto rossonera da urlo
Milca Gili: una 'diavoletta' perfetta
Le bellezze dell'EICMA 2018
Diletta Leotta
Lauren Summer
Georgina, la musa di Cristiano Ronaldo
Tawny Jordan
Aida Yespica
Arlenis Sosa
Ginevra Lambruschi