Paul Pierce torna ai Celtics e si ritira

La firma sul contratto che lo fa ritirare da giocatore biancoverde.

Pierce

Paul Pierce aveva annunciato il ritiro già prima della scorsa stagione e anche quando c’era solo una piccola idea nella sua testa di ritirarsi da Celtic, Doc Rivers aveva sposato in pieno la causa dicendo: “Faremo di tutto per far ritirare Paul da Celtic, perché è stata una bandiera, una leggenda e un pezzo di storia dei biancoverdi. Di qualsiasi cosa necessiterà noi lo aiuteremo”.

Doc è stato coach di Pierce ai Clippers, ma anche ai Celtics dove hanno vinto l’ultimo titolo della franchigia nel 2008 in una squadra per certi versi irripetibile per talento, abnegazione e volontà in funzione di un obiettivo.

Nella giornata di ieri, tutto questo è diventato realtà chiudendo alla perfezione una splendida storia d’amore che mai potrà essere cancellata nonostante i trasferimenti a Brooklyn o Los Angeles. La sua ultima tripla nella partita del TD Garden quest’anno, concessa sapientemente da Isaiah Thomas rimane uno splendido ricordo e il giusto tributo per un campione, un Hall of Famer e un giocatore che ha dato veramente tutto a una franchigia e al basket in generale baciando anche lo stemma dei biancoverdi al centro del campo prima della partita. Il legame tra The captain and the truth e il popolo biancoverde è quello che si crea non solo tra i campioni e il proprio pubblico, ma anche chi va un passo oltre diventando una vera e propria bandiera.

Così ieri Pierce è tornato da padrone di casa ai Boston Celtics firmando un decadale proprio con la sua squadra al fine di ritirarsi con la maglia biancoverde addosso: “E’ un onore per noi riavere con questa maglia Paul –dice Grousbeck- perché è uno dei migliori Celtic di sempre ed era giusto rendere grazie a una carriera da Hall of Famer chiudendola con questa maglia che gli si è cucita addosso”.
L’emozione per Pierce, nonostante età ed esperienza è comunque palpabile: “E’ un privilegio essere ancora un Celtic, perché la città e l’organizzazione mi hanno reso ciò che sono oggi. Non avrei mai potuto immaginare una conclusione di carriera diversa da questa. Io sono e sarò un Celtic a vita”.
Un’altra bandiera del basket dei primi anni duemila lascia nella malinconia di chi è cresciuto vedendolo dominare le partite

In collaborazione con basketissimo.com

ARTICOLI CORRELATI:

Westbrook batte i Warriors, Boston torna a perdere
Westbrook batte i Warriors, Boston torna a perdere
NBA, altra vittoria per i LA Lakers
NBA, altra vittoria per i LA Lakers
NBA, sorrisi per Lakers e Warriors
NBA, sorrisi per Lakers e Warriors
NBA, Boston affonda Golden State: sono 14
NBA, Boston affonda Golden State: sono 14
Embiid da fantascienza, ok Wizards, Bucks e Pacers
Embiid da fantascienza, ok Wizards, Bucks e Pacers
NBA, Boston fa 13
NBA, Boston fa 13
 
Jessa Hinton
Ria Antoniou
Kyliee Walton
Ludovica Pagani
Ashley Gilbert
Kayla Fitzgerald
Dessie Mitcheson
Abby Dowse
Jessa Cygan
Eva Padlock
Ella Rose
Marika Fruscio