Super Rugby, la tredicesima giornata in breve

Brumbies davanti nella divisione australiana, Sharks primi (ma con rimpianto) in quella sudafricana: ecco cosa è successo nel fine settimana

Brumbies

Sette partite giocate, cinque vittorie in casa e due in trasferta, un nuovo padrone solitario sia nella divisione australiana sia in quella sudafricana: è questa, in estrema sintesi, la sostanza della tredicesima giornata di Super Rugby, disputatasi nell'arco di tre giorni (anziché due come nei fine settimana precedenti), da venerdì 10 e domenica 12 maggio.

A balzare davanti a tutti nella Australian Conference sono i Brumbies: la squadra della capitale batte 33-0 i Sunwolves (due mete per Henry Speight) e, grazie al punto bonus offensivo, mette il naso davanti ai Rebels, che vincono a loro volta il derby contro i Reds (30-24, a segno anche i nazionali Tetera Faulkner e Dane Haylett-Petty) ma conquistano un punto in meno in classifica, scendendo al secondo posto divisionale e al sesto della classifica complessiva. Da notare, comunque, che i Brumbies hanno una partita in più rispetto alla squadra di Melbourne.

Nella South African Conference, invece, perdono tre delle quattro squadre impegnate nel weekend, ma il -6 subito dagli Sharks ad Hamilton contro i Chiefs permette ai primi di conquistare un punto bonus difensivo che consente loro di portarsi al primo posto solitario nella divisione, complici le contemporanee sconfitte dei Bulls contro i fortissimi Crusaders (inappellabile il 13-45 finale, condito dalla tripletta di Sevu Reece per i campioni in carica), e dei Jaguares in casa degli Highlanders (32-27 per i neozelandesi, guidati dalle mete di James Lentjes, Matt Faddes, Sio Tomkin e Liam Coltman).

Quella del primo posto provvisorio è comunque una soddisfazione effimera per gli squali di Durban, che hanno infatti una partita in più rispetto alle dirette concorrenti, tutte vicinissime (gli Stormers, a riposo e ultimi nella divisione, hanno solo cinque punti di ritardo), e che possono solo rimpiangere la mancata vittoria contro i Chiefs: il match, infatti, poteva essere portato a casa con successo se non fosse stato per l’harakiri dei sudafricani, capaci di farsi rimontare e superare definitivamente, nel finale, nel giro di due soli minuti (mete di Anton Lienert-Brown al 68’ e di Brad Weber al 70’), fino al 23-29 finale.

Nella New Zealand Conference, infine, detto delle vittorie di Crusaders, Highlanders e Chiefs, va segnalata quella degli Hurricanes sui Blues nel derby divisionale, con i primi che chiudono sul 22-12 un match tutto sommato equilibrato, risolto definitivamente a loro favore da una meta d’intercetto del sempre efficace Beauden Barrett nell’ultimo quarto d’ora di gioco.

 

Classifiche

Australian Conference: Brumbies* 29, Rebels 28, Reds 23, Waratahs 22, Sunwolves* 12.

New Zealand Conference: Crusaders* 47, Hurricanes* 40, Highlanders* 29, Chiefs* 23, Blues 21.

South African Conference: Sharks* 29, Bulls 28, Jaguares 28, Lions 26, Stormers 24.

 

Con l’asterisco (*) sono contrassegnate le squadre che hanno giocato una partita in più.

ARTICOLI CORRELATI:

Rugby, Calvisano Campione d'Italia
Rugby, Calvisano Campione d'Italia
Top12, finale Calvisano-Rovigo. Lazio salva
Top12, finale Calvisano-Rovigo. Lazio salva
Rugby, Saracens campioni d'Europa
Rugby, Saracens campioni d'Europa
EuroRugby, al Clermont la Challenge Cup
EuroRugby, al Clermont la Challenge Cup
Rugby in Europa, che beffa per il Benetton
Rugby in Europa, che beffa per il Benetton
Semifinali Top 12, nulla è ancora deciso
Semifinali Top 12, nulla è ancora deciso
Super Rugby, i risultati della dodicesima giornata
Super Rugby, i risultati della dodicesima giornata
Simone Favaro lascia il rugby
Simone Favaro lascia il rugby
Rugby, ecco le semifinaliste del Pro 12
Rugby, ecco le semifinaliste del Pro 12
 
L'altra Belén sfida la Rodriguez
Luciana, juventina senza limiti
Ashley Vee ha un sogno a quattro ruote
Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia
Fabiana Britto rossonera da urlo
Milca Gili: una 'diavoletta' perfetta
Le bellezze dell'EICMA 2018
Diletta Leotta
Lauren Summer