Premiership Rugby, festa Saracens

I londinesi completano il "double" vincendo, dopo la Champions, anche il campionato: battuti in finale gli Exeter Chiefs

Saracens_PremiershipRugby

Dopo aver vinto la Champions Cup tre settimane fa, i Saracens completano il "double" vincendo anche la Premiership inglese, grazie alla vittoria per 37-34 nella finale giocata contro gli Exeter Chiefs a Twickenham, nel pomeriggio di sabato 1° giugno.

Per la squadra londinese, allenata da Mark McCall, si tratta del quinto titolo nazionale in nove stagioni (il primo arrivò nel 2011) e della seconda doppietta Premiership-Champions dopo quella della stagione 2015/16, a testimonianza di una posizione di dominio ormai affermata tra i club europei della palla ovale.

Come accaduto in semifinale contro il Gloucester, però, i Sarries partono col piede sbagliato: dopo 27 secondi, infatti, Exeter marca una meta con Nic White, bravo a sorprendere una linea difensiva tutt'altro che perfetta, ma Jamie George riporta sotto quasi subito i Sarries, approfittando della momentanea superiorità numerica (cartellino giallo inflitto ad Henry Slade per un in-avanti volontario) e marcando a sua volta al 4'. Owen Farrell, a differenza del suo "dirimpettaio" Joe Simmonds, manca però la conversione da 2 punti e il risultato è sul 7-5 dopo cinque giri di lancette.

Il ritmo dell'incontro è altissimo, quasi asfissiante, e i Saracens sembrano prendere in mano la situazione: al 10' Farrell si fa perdonare l'errore precedente portando avanti i suoi con una punizione, cinque minuti dopo Ben Spencer si incunea nella difesa dei Chiefs e segna la meta del 13-7 che Farrell, però, non riesce ancora a trasformare.

Exeter non ci sta ad uscire dal match e, tornata in parità numerica, mette pressione agli avversari tanto da provocare, a sua volta, un cartellino giallo, che l'arbitro Wayne Barnes infligge a Maro Itoje per ripetute infrazioni nei pressi dell'area di meta. I vincitori della regular season ne approfittano così nel migliore dei modi, segnando 12 punti in dieci minuti grazie alle mete di Jonny Hill al 21' e Dave Ewers al 31' (la prima delle due trasformata da Simmonds), passando così in vantaggio per 19-13.

Prima dell'intervallo, Farrell e Simmonds segnano una punizione ciascuno, e così le squadre vanno neglio spogliatoi sul 22-16 per gli Exeter Chiefs.

Nella ripresa Exeter trova addirittura il massimo vantaggio, ponendo una pressione maggiore sugli avversari e andando in meta al 18', grazie a uno splendido off-load di Sam Skinner che libera Slade per i punti del 27-16.

Finita? Neanche per sogno. Dopo appena tre minuti, infatti, i Sarries accorciano le distanze con un cross-kick di Farrell che trova puntuale il gallese Liam Williams, bravo a prendere la palla al volo e a schiacciare all'angolo, e al 68' operano l'ultimo sorpasso dell’incontro grazie al nazionale scozzese Sean Maitland, che concretizza al meglio un'azione partita con uno splendido break di Richard Wigglesworth.

Al 75', sul punteggio di 30-27, i Saracens potrebbero chiudere con una punizione sulla carta abbastanza semplice, ma Farrell sbaglia e regala qualche minuto di speranza ai Chiefs. Una speranza, però, che svanisce definitivamente al 77' quando George, sugli sviluppi di una touche rubata dal solito Itoje (uomo ovunque e meritatamente nominato "man of the match", nonostante il cartellino giallo del primo tempo), si spinge oltre la linea di meta e schiaccia tra i pali la palla della vittoria. Farrell realizza la comoda trasformazione e porta i suoi sul 37-27.

Nonostante il risultato ormai acquisito, i Chiefs onorano fino all'ultimo la finale, segnando a tempo scaduto la quinta meta del loro incontro con Sam Hill e pareggiando il conto globale delle mete segnate (5-5), ma la marcatura è solo una magra consolazione che aumenta i rimpianti per gli uomini di Rob Baxter, e che anticipa di pochi secondi il fischio finale che fa esplodere la festa dei Saracens.


ARTICOLI CORRELATI:

I convocati dell'Italia per il Mondiale
I convocati dell'Italia per il Mondiale
Parisse e Fondazione Ronald McDonald insieme per l'infanzia ospedalizzata
Parisse e Fondazione Ronald McDonald insieme per l'infanzia ospedalizzata
Finale inedita per il Super Rugby
Finale inedita per il Super Rugby
Finale inedita per il Super Rugby
Finale inedita per il Super Rugby
In Italia i Mondiali U20 di rugby
In Italia i Mondiali U20 di rugby
Mondiale U20, Francia campione. Nona l'Italia
Mondiale U20, Francia campione. Nona l'Italia
Super Rugby, Jaguares nella storia
Super Rugby, Jaguares nella storia
EuroRugby, le avversarie delle italiane
EuroRugby, le avversarie delle italiane
Mondiale U20, l'Italrugby vince e si salva
Mondiale U20, l'Italrugby vince e si salva
 
Grid Girls:  Camilla Bello' e Alessia Puccia
Grid Girls: Giulia Zanellato
Grid Girls: Lara Arluni e Neneh Riemeijer
Grid Girls: Jennifer Ciancio e Lucia Cossu
Grid Girls: Valeria Paniconi
Grid Girls: Giorgia Capaccioli
Claudia Nargi
Le foto più belle di Agustina Gandolfo
Il ritorno di Larissa Riquelme: le foto
Le foto più belle di Elina Svitolina
Le foto piu' belle di Camila Giorgi
Kinsey Wolansky, la star della finale di Champions League