Guasto per Melandri, Rea trionfa a Jerez

Gara-1 viene vinta dal campione del mondo. Davies e Sykes completano il podio.

Rea

La gara del sabato del Pirelli Spanish Round ha visto Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team) conquistare la sua prima vittoria dopo che è stato incoronato campione del mondo 2017. Il nord-irlandese ha vinto a seguito di un guasto tecnico che ha colpito il leader Marco Melandri (Aruba.it Racing - Ducati) e ha ottenuto così la sua prima vittoria in assoluto sulla pista di Jerez, in una gara che ha visto due partenze.

Con questo podio Rea ha eguagliato Carl Fogarty nel maggior numero di podi ottenuti nel WorldSBK, 109.
 
Rea ha preso subito la testa della corsa sulla pista di Jerez, ma quando mancavano 13 giri alla fine Marco Melandri alla curva 9 ha preso il comando in pianta stabile, mentre alle sue spalle Davies e Rea hanno svolto un bel duello per il secondo posto.
 
Melandri stava inseguendo la sua seconda vittoria del 2017, da quando è tornato nel WorldSBK all’inizio dell’anno, ma la sfortuna non gli ha permesso di concludere la gara e il ravennate si è dovuto ritirare per un guasto alla sua moto, mentre Rea prendeva così la testa della gara, andando a vincere la prima manche del Pirelli Spanish Round, seguito da Davies e da Sykes, autore di una gara solida nonostante l’infortunio al polso destro, rimediato in Portogallo.
 
Alex Lowes (Pata Yamaha Official WorldSBK Team) è stato autore di un’altra grande prestazione ottenendo buoni punti con la sua Yamaha YZF R1, tagliando il traguardo in quarta posizione e precedendo il suo compagno di squadra Michael van der Mark, quinto.
 
Il campione del mondo 2014 Sylvain Guintoli è tornato all’azione con la Kawasaki ZX-10RR del Kawasaki Puccetti Racing team e ha ottenuto un positivo sesto posto.
 
La top 10 è stata completata dalla coppia del Milwaukee Aprilia team, Lorenzo Savadori e Eugene Laverty e dagli spagnoli Xavi Fores (BARNI Racing Team) e Roman Ramos (Team Kawasaki Go Eleven) – rispettivamente settimo e decimo.
 
Nel 13esimo giro Takumi Takahashi (Red Bull Honda World Superbike Team) ha perso l’anteriore della sua Honda CBR1000RR e ha chiuso sedicesimo, mentre Davide Giugliano, l'altro portacolori Honda, si è dovuto ritirare.
 
Gara1 ha avuto due partenza perché nel primo giro in assoluto c’è stato un incidente tra Ayrton Badovini (Grillini Racing Team) e Raffaele de Rosa (Althea BMW Racing Team) alla curva 6 per cui sono state sventolate le bandiere rosse. Successivamente è stata svolta la procedura rapida per la griglia di partenza e la gara è ricominciata, senza la presenza dei due italiani.
 
Gara2 del WorldSBK andrà in scena domani alle ore 13.00.


ARTICOLI CORRELATI:

Petrucci costernato:
Petrucci costernato: "Non posso perdere 15 kg"
Valentino Rossi: il commento sull'esultanza di Marquez
Valentino Rossi: il commento sull'esultanza di Marquez
Marquez, esultanza scomposta:
Marquez, esultanza scomposta: "Vinto grazie a ieri"
Marquez trionfa a Misano, Valentino Rossi giù dal podio
Marquez trionfa a Misano, Valentino Rossi giù dal podio
Lorenzo punge Marquez:
Lorenzo punge Marquez: "Valentino Rossi mi ha capito"
Moto2, Fernandez batte Di Giannantonio con polemica
Moto2, Fernandez batte Di Giannantonio con polemica
Dalla Porta:
Dalla Porta: "Masiá ha fatto il cretino"
Paolo Simoncelli è al settimo cielo per Suzuki
Paolo Simoncelli è al settimo cielo per Suzuki
A Misano vince Suzuki, caduta e doppia frattura per Antonelli
A Misano vince Suzuki, caduta e doppia frattura per Antonelli
 
Grid Girls: Giorgia Capaccioli
Claudia Nargi
Le foto più belle di Agustina Gandolfo
Il ritorno di Larissa Riquelme: le foto
Le foto più belle di Elina Svitolina
Le foto piu' belle di Camila Giorgi
Kinsey Wolansky, la star della finale di Champions League
Beatrice Bonfanti mantiene la promessa
L'altra Belén sfida la Rodriguez
Luciana Linck, juventina senza limiti
Ashley Vee ha un sogno a quattro ruote
Le più belle foto di Jolanda De Rienzo