Agostini aspetta Valentino Rossi

"Se la Yamaha è davvero tornata ci sarà grande spettacolo".

agostini

Giacomo Agostini ai microfoni di Sky si dice ottimista sul ritorno di Valentino Rossi e Maverick Vinales ai massimi livelli. "Domenica scorsa hanno fatto una grande gara, speriamo non sia solo il tracciato favorevole. Io credo di no, è cambiato qualcosa. Abbiamo già un grande show e se aggiungiamo i due piloti Yamaha possiamo avere ancora più spettacolo, auguriamoci che alla prossima in Giappone ci siano anche loro così che ci possano essere scintille".

Marquez è vicino al settimo Mondiale vinto: il record di Agostini a 15 è ancora lontano, ma non così tanto. "E' talmente giovane che potrebbe arrivarci. Siccome tutti hanno il piacere di raggiungere il mio record, io ora sono felice di averlo... il giorno che me lo batteranno sarà contento del grande pilota che ci riuscirà".

ARTICOLI CORRELATI:

La riscossa di Valentino Rossi parte da Assen
La riscossa di Valentino Rossi parte da Assen
Valentino Rossi, messaggio alla Yamaha dopo i test
Valentino Rossi, messaggio alla Yamaha dopo i test
Paolo Beltramo non infierisce su Jorge Lorenzo
Paolo Beltramo non infierisce su Jorge Lorenzo
Pernat: Marquez più furbo di Valentino Rossi
Pernat: Marquez più furbo di Valentino Rossi
Lorenzo ringrazia Valentino Rossi
Lorenzo ringrazia Valentino Rossi
Petrucci:
Petrucci: "Per fortuna ho evitato il caos"
Valentino Rossi se la prende con la pista
Valentino Rossi se la prende con la pista
Lorenzo, Viñales chiede provvedimenti
Lorenzo, Viñales chiede provvedimenti
Marquez trionfa, Lorenzo stende Valentino Rossi e Viñales
Marquez trionfa, Lorenzo stende Valentino Rossi e Viñales
 
Le foto piu' belle di Camila Giorgi
Kinsey Wolansky, la star della finale di Champions League
Beatrice Bonfanti mantiene la promessa
L'altra Belén sfida la Rodriguez
Luciana, juventina senza limiti
Ashley Vee ha un sogno a quattro ruote
Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia
Fabiana Britto rossonera da urlo
Milca Gili: una 'diavoletta' perfetta