L'Iran resta a piedi nudi

E' la conseguenza dell'embargo voluto da Donald Trump.

iran, bandiere, bandiera

L’Iran è rimasto a piedi nudi a poche ore dall'esordio nel Mondiale con il Marocco.

La Nike, che riforniva molti dei calciatori della selezione guidata da Carlos Queiroz, ha sospeso la fornitura di calzature: il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha come noto imposto l’embargo nei confronti del Paese asiatico e l'azienda di Portland si è adeguata. "E’ una decisione ingiusta e dannosa" ha tagliato corto dalla Russia il navigato allenatore portoghese.

La BBC ha intanto documentato che alcuni calciatori sono stati costretti ad acquistare le scarpe in un negozio non lontano dal campo di allenamento in cui si stanno preparando per la rassegna iridata.

ARTICOLI CORRELATI:

Mondiali 2018, di Pavard il gol più bello
Mondiali 2018, di Pavard il gol più bello
Kalinic rifiuta l'argento dei Mondiali
Kalinic rifiuta l'argento dei Mondiali
Yuri Cortez ritrova i croati in vacanza
Yuri Cortez ritrova i croati in vacanza
Top 11 Mondiale, il Belgio scalcia la Croazia
Top 11 Mondiale, il Belgio scalcia la Croazia
Mondiale, incidenti sugli Champs-Elysées
Mbappé:
Mbappé: "Gioco per questo"
Rakitic:
Rakitic: "Hanno tirato tre volte"
Pogba senza voce:
Pogba senza voce: "Abbiamo regalato un sogno"
Modric:
Modric: "Siamo stati la squadra migliore"
 
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia
Fabiana Britto rossonera da urlo
Milca Gili: una 'diavoletta' perfetta
Le bellezze dell'EICMA 2018
Diletta Leotta
Lauren Summer
Georgina, la musa di Cristiano Ronaldo
Tawny Jordan
Aida Yespica
Arlenis Sosa
Ginevra Lambruschi