Sebastian Vettel rinvia la resa dei conti

Il pilota tedesco della Ferrari amaro nel giorno della festa di Hamilton: "Avrei voluto lottare di più, non voglio dire altro".

Vettel

Per la settima volta nella stagione, Sebastian Vettel ha concluso un Gp davanti a Lewis Hamilton, ma nessun piazzamento come il secondo posto di Città del Messico è amaro per il pilota tedesco della Ferrari, costretto ad assistere per il quarto anno consecutivo alla festa iridata di un rivale, tre volte Hamilton e una Rosberg.

Al termine della terzultima corsa della stagione, conclusa al secondo posto alle spalle di Verstappen, Vettel è ovviamente il ritratto della delusione, pur non avendo questa volta nulla da rimproverarsi nella condotta di gara, impreziosita dai sorpassi su Ricciardo e sullo stesso Hamilton.

Corsa che però non può che far nascere rimpianti: “Non è stata una giornata semplice. Hamiton ha vinto con pieno merito, ha fatto una stagione superba, ma mi sarebbe piaciuto lottare più a lungo” lo stringato commento del tedesco.

Il tempo dei processi è ovviamente destinato a slittare: "Dove ho perso il Mondiale? Non è il momento di parlarne".

ARTICOLI CORRELATI:

Flop Ferrari, Wolff non si illude
Flop Ferrari, Wolff non si illude
Leclerc:
Leclerc: "Potevo passare Vettel"
Vettel individua il problema
Vettel individua il problema
Hamilton:
Hamilton: "Capito perché non ero veloce"
Bottas:
Bottas: "La gara della vita"
Bottas trionfa in Australia, per la Ferrari è un flop totale
Bottas trionfa in Australia, per la Ferrari è un flop totale
Mercedes, Hamilton:
Mercedes, Hamilton: "Non potevamo iniziare meglio"
Ferrari, Leclerc:
Ferrari, Leclerc: "Non sono stato bravo"
Ferrari, Vettel:
Ferrari, Vettel: "Qualifiche difficili"
 
Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia
Fabiana Britto rossonera da urlo
Milca Gili: una 'diavoletta' perfetta
Le bellezze dell'EICMA 2018
Diletta Leotta
Lauren Summer
Georgina, la musa di Cristiano Ronaldo
Tawny Jordan
Aida Yespica