Mattia Binotto snobba Toto Wolff

"Non mi interessa cosa dice: Vettel vincitore morale" ha sostenuto.

Binotto

"Il vincitore morale è Sebastian Vettel: non siamo noi a decidere, ma penso si possa avere una opinione diversa rispetto a quella della giuria. Ci sono state altre situazioni di gara come quella di oggi e il giudizio è stato diverso, quello è rammarico: meritavamo qualcosa di più del risultato reale". Lo ha dichiarato il team principal della Ferrari, Mattia Binotto, che analizza così la penalità di cinque secondi inflitta a Sebastian Vettel per aver ostacolato Lewis Hamilton, penalità che non ha consentito al ferrarista di vincere la gara.

"Non mi interessa quello che pensa Toto Wolff - ha proseguito Binotto ai microfoni di Sky Sport - Vettel è molto arrabbiato, abbiamo cercato di calmarlo e si è già calmato: ed è giustificato. Chiunque nella situazione avrebbe fatto così', ha dato il massimo. In quel momento esci di pista, nel tornare in pista non c'era nulla di intenzionale. Non aveva alternative".

ARTICOLI CORRELATI:

Alonso non scarta il grande ritorno in Ferrari
Alonso non scarta il grande ritorno in Ferrari
La Ferrari fa retromarcia: niente appello
La Ferrari fa retromarcia: niente appello
Vettel penalizzato, la Ferrari presenta ricorso
Vettel penalizzato, la Ferrari presenta ricorso
Vettel:
Vettel: "Decisione assurda"
Hamilton:
Hamilton: "Vettel ha commesso un errore"
Vince Hamiton, Vettel è una furia
Vince Hamiton, Vettel è una furia
Prima pole di Vettel, la Ferrari torna a sorridere
Prima pole di Vettel, la Ferrari torna a sorridere
Leclerc e Vettel non si fidano
Leclerc e Vettel non si fidano
Hamilton sbatte, le Ferrari volano
Hamilton sbatte, le Ferrari volano
 
Kinsey Wolansky, la star della finale di Champions League
Beatrice Bonfanti mantiene la promessa
L'altra Belén sfida la Rodriguez
Luciana, juventina senza limiti
Ashley Vee ha un sogno a quattro ruote
Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia
Fabiana Britto rossonera da urlo
Milca Gili: una 'diavoletta' perfetta
Le bellezze dell'EICMA 2018