Ferrari, cambia tutto: via Arrivabene

Rivoluzione a sorpresa a Maranello: il manager bresciano sostituito da Mattia Binotto nel ruolo di team principal.

Dopo quella in pista, dove dopo quattro anni è “scoppiata” la coppia Vettel-Raikkonen per l’arrivo del giovane Charles Leclerc al posto del finlandese, a due mesi e mezzo dal via del Mondiale 2019 in casa Ferrari va in scena la rivoluzione dietro la scrivania.

A saltare è stata la testa di Maurizio Arrivabene, che non sarà più il team principal della scuderia, incarico ricoperto da fine 2014. Il manager bresciano paga i deludenti risultati della seconda parte della scorsa stagione, ma anche la difficile convivenza con Mattia Binotto, che prenderà il suo posto lasciando il ruolo di direttore tecnico.

L’anticipazione viene da La Gazzetta dello Sport, ma segnali c’erano già stati dopo il mancato rinnovo del contratto di Arrivabene. Binotto, 49 anni, in Ferrari dal 1995, era già stato indicato da Sergio Marchionne come l’uomo giusto per la rinascita. Proprio come il compianto ex presidente Fiat aveva deciso di puntare su Leclerc.

ARTICOLI CORRELATI:

Addio a Lauda, il post della Ferrari
Addio a Lauda, il post della Ferrari
Formula 1 in lutto, è scomparso Niki Lauda
Formula 1 in lutto, è scomparso Niki Lauda
Quarant'anni fa
Quarant'anni fa "La congiura degli innocenti"
Fuoco:
Fuoco: "La Ferrari è un sogno"
Indianapolis, spavento per Alonso
Indianapolis, spavento per Alonso
Al Montmelò regna sempre la Mercedes
Al Montmelò regna sempre la Mercedes
Tracollo Ferrari, Vettel spiega
Tracollo Ferrari, Vettel spiega
Binotto amaro:
Binotto amaro: "Ci hanno dato una lezione"
Charles Leclerc:
Charles Leclerc: "E' difficile gestirci"
 
Beatrice Bonfanti mantiene la promessa
L'altra Belén sfida la Rodriguez
Luciana, juventina senza limiti
Ashley Vee ha un sogno a quattro ruote
Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia
Fabiana Britto rossonera da urlo
Milca Gili: una 'diavoletta' perfetta
Le bellezze dell'EICMA 2018
Diletta Leotta