Viviani: "Sanremo, ecco i settori-chiave"

"Vincere mi farebbe fare un salto in un'altra dimensione".

viviani

Elia Viviani in un'intervista alla Gazzetta dello Sport analizza ai raggi X la Milano-Sanremo, individuandone i settori chiave. "Posso vincere solo in volata, mentre su Cipressa e Poggio posso perdere. E allora se mi sono preparato bene so quali sono i punti dove tenere duro mentre chi vuole evitare lo sprint attacca. Ho tanti miei riferimenti, settori-­chiave".

I punti cruciali: "Nelle prime fasi di gara, finché non parte la fuga e le squadre si mettono d’accordo, ci sono le chiacchiere con i colleghi. Cosa fai, dove corri, ma anche conversazioni extra­ciclistiche".

Quindi si parte: "Il Turchino? Parole d’ordine: stare sempre attenti a non sprecare energie e pedalare davanti. E affrontare in testa la discesa, così se il gruppo si spezza non devi recuperare".

I Capi: "La lotta dei treni delle varie squadre per prendere posizioni. Sa, il traguardo della Sanremo è in via Roma ma prima ce ne sono tanti altri. Ogni volta che ne passo uno, io mentalmente faccio ‘la spunta’".

"Alla Cipressa si comincia a capire che gambe hai, davvero. In gruppo si sta bene, è veloce, non ti devi esporre. Chiedo alla squadra di tenermi davanti, prime trenta posizioni. Se la passo bene, il morale aumenta di molto".

E quindi il Poggio: "Per prenderlo davanti, il punto fondamentale è la rotonda che c’è poco più di un chilometro prima. Poi, mi devo ‘salvare’ nei tornanti finché si arriva a dove la strada spiana. Quando poi riprende a salire, c’è chi può fare la differenza. Poi è il caos! La discesa, se non fa la differenza, quasi. Sempre al limite, sei in fila indiana. Mi guardo intorno, vedo che compagni ci sono e penso a chi eventualmente è in fuga. Devi organizzarti in pochi istanti. Le ammiraglie non sono subito dietro, non hanno una visione immediata della corsa, e tocca a noi prendere delle decisioni. Se non c’è nessuno davanti, si tiene l’andatura alta per non far scappare nessuno. Altrimenti, si prova a chiudere il prima possibile".

"Chi temo di più in volata? Gaviria è il più pericoloso, perché ha una gran volata di testa e non è facile da superare. Ma uno come Sagan figuriamoci se si può sottovalutare con la classe che ha. Ewan? Stagione buona ma non ottima finora, forse ha guadagnato in resistenza e perso in
punta di velocità. Bennett? Finora non ha mai passato il Poggio tra i primi".

"E' l’unico dei Monumenti che posso vincere. Perché mi farebbe fare un salto in un’altra dimensione", conclude Viviani.


ARTICOLI CORRELATI:

Tour, Ewan fa doppietta. Paura per Fugslang
Tour, Ewan fa doppietta. Paura per Fugslang
Marco Pantani e Cristiano Ronaldo raccontati da Mughini
Marco Pantani e Cristiano Ronaldo raccontati da Mughini
Giulio Ciccone non vuole arrendersi
Giulio Ciccone non vuole arrendersi
Vince Yates, Thomas promette
Vince Yates, Thomas promette
Tour: Pinot si prende il Tourmalet, ma Alaphilippe sorride
Tour: Pinot si prende il Tourmalet, ma Alaphilippe sorride
Tour, Yates entra nella storia
Tour, Yates entra nella storia
La Vuelta 2011 è di Chris Froome
La Vuelta 2011 è di Chris Froome
Van Aert batte Viviani allo sprint
Van Aert batte Viviani allo sprint
Nibali di rabbia:
Nibali di rabbia: "Facile criticare"
 
Le foto più belle di Agustina Gandolfo
Il ritorno di Larissa Riquelme: le foto
Le foto più belle di Elina Svitolina
Le foto piu' belle di Camila Giorgi
Kinsey Wolansky, la star della finale di Champions League
Beatrice Bonfanti mantiene la promessa
L'altra Belén sfida la Rodriguez
Luciana, juventina senza limiti
Ashley Vee ha un sogno a quattro ruote
Le più belle foto di Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman