Vincenzo Nibali tuona: più sicurezza in strada

Lo Squalo: "L'automobilista ci vede solo come intralcio".

nibali

Vincenzo Nibali torna a fare un appello sulla  sicurezza stradale per chi va in bicicletta: "In Italia, purtroppo, su questo fronte siamo ancora tanto indietro - sono le parole a tuttobiciweb.it. L’automobilista vede il ciclista come un intralcio, non ci considera mai come un normale fruitore della strada. Se sei da solo, le auto ti fanno il pelo senza rendersi conto di cosa voglia dire, per un ciclista, venir sfiorato da un’auto che viaggia anche solo a 50 chilometri all’ora. E se sei in coppia, ti si incollano alla ruota, ti suonano e tentano magari di buttarti anche giù. Questo è quello che capita tutti i giorni a chi va in bicicletta e non parlo solo di chi fa il mestiere del ciclista, ma di tutti coloro che pedalano su una strada. In altri Paesi del mondo le cose vanno in maniera diversa: in molte nazioni c’è maggior rispetto per i ciclisti, in altre si sta portando avanti con forza la battaglia per vedere riconosciuti i diritti di chi pedala".

"Gli utenti della strada dovrebbero avere rispetto per tutti gli altri: parlo degli automobilisti nei confronti dei ciclisti e viceversa, ma anche dei motociclisti, di tutti gli utenti, insomma. Pensateci bene: quanto serve ad un automobilista per superare un ciclista in condizioni di sicurezza? Normalmente bastano quattro-cinque secondi di attesa per non mettere a rischio la sicurezza di nessuno. Sono secondi che possono cambiare la vita? Non certo a chi sorpassa, ma sicuramente a chi invece rischia di essere investito. Ma dico anche che noi ciclisti dobbiamo sempre rispettare gli altri utenti e il codice della strada". 

Poi lo Squalo ricorda gli amici scomparsi in incidenti stradali: "Nel 2016 Rosario Costa, giovane ciclista messinese della mia squadra, ha perso la vita scontrandosi con un autocompattatore mentre si stava allenando. E poi Michele Scarponi, un’altra tragedia che ci ha segnato e che non possiamo dimenticare. Dobbiamo lavorare tutti affinché il numero di questi incidenti possa finalmente diminuire".


ARTICOLI CORRELATI:

Ciclismo in lutto, è morto Raymond Poulidor
Ciclismo in lutto, è morto Raymond Poulidor
Fabio Aru rompe il silenzio
Fabio Aru rompe il silenzio
Chris Froome, continua il calvario
Chris Froome, continua il calvario
Froome, continua il calvario
Froome, continua il calvario
Mario Cipollini ha rischiato la vita
Mario Cipollini ha rischiato la vita
Ciccone si mette al servizio di Nibali
Ciccone si mette al servizio di Nibali
Paura per Contador: ricoverato in Colombia
Paura per Contador: ricoverato in Colombia
Cassani ottimista sul futuro di Vincenzo Nibali
Cassani ottimista sul futuro di Vincenzo Nibali
Giro d'Italia 2020, il parere di Vincenzo Nibali e Cassani
Giro d'Italia 2020, il parere di Vincenzo Nibali e Cassani
 
Bellissime a Eicma 2019: Giorgia Capaccioli
Le bellissime di Eicma 2019: Beatrice Silipigni
Le bellissime di Eicma 2019: Alessia Pasqualon
Le bellissime di Eicma 2019: Francesca Campione
Bellissime a Eicma 2019: Kate Fretti
Le bellissime di Eicma 2019: Alessia Dones
Le bellissime di Eicma 2019: Ilaria Prazzoli
Le bellissime di Eicma 2019: Sabrina Semeraro
Le bellissime di Eicma 2019: Sabrina Chiolerio
Le bellissime di Eicma 2019: Giada Bagnoli
Le bellissime di Eicma 2019: Federica Zucchieri
Le bellissime di Eicma 2019: Martina Bassi