Vincenzo Nibali pretende di più

Il ciclista siciliano fa un bilancio della sua stagione.

nibali

Vincenzo Nibali in un'intervista a La Stampa ha fatto il bilancio della sua stagione, condizionata dalla caduta al Tour: "Non basta la Milano-Sanremo. A un altro corridore potrebbe bastare, a me no perché la caduta al Tour de France mi ha rovinato la stagione: era il mio grande obiettivo e stavo molto bene, che rabbia!".

Sulla caduta all'Alpe d'Huez: "Ho detto loro che sulla salita dell’Alpe d’Huez c’erano pochi gendarmi e troppi tifosi, molti ubriachi. Gli organizzatori avevano capito che la situazione stava degenerando, hanno cercato di portar giù dall’arrivo altre transenne, ma non sono bastate. E io ne ho fatto le spese. Se avrò ancora l’occasione per vincere un Tour? Io ci spero ancora".

Sulla partecipazione al Giro: "Decideremo a giorni, dipende dai programmi del team. Comunque Giro e Tour hanno percorsi molto interessanti. Il Giro mi manca molto e quello del 2019 mi stuzzica".

ARTICOLI CORRELATI:

Bartali nei temi di maturità: Federciclismo entusiasta
Bartali nei temi di maturità: Federciclismo entusiasta
Ghiaia nel ginocchio, Dumoulin operato
Ghiaia nel ginocchio, Dumoulin operato
Froome, preoccupazione per la carriera
Froome, preoccupazione per la carriera
Il regalo di Valentino Rossi a Giulio Ciccone
Il regalo di Valentino Rossi a Giulio Ciccone
Davide Cassani:
Davide Cassani: "Ecco le novità dell'Europeo in Trentino"
Di Rocco:
Di Rocco: "Puntiamo a diverse medaglie"
Fabio Aru riscopre la felicità
Fabio Aru riscopre la felicità
A Lugano la spunta Ulissi
A Lugano la spunta Ulissi
Antonio Nibali parla del suo futuro
Antonio Nibali parla del suo futuro
 
Le foto piu' belle di Camila Giorgi
Kinsey Wolansky, la star della finale di Champions League
Beatrice Bonfanti mantiene la promessa
L'altra Belén sfida la Rodriguez
Luciana, juventina senza limiti
Ashley Vee ha un sogno a quattro ruote
Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia
Fabiana Britto rossonera da urlo
Milca Gili: una 'diavoletta' perfetta