“Il Giro in Israele potrebbe essere annullato”

A poche ore dalla presentazione, duro comunicato del governo israeliano.

Giro

Il Giro d'Italia 2018 è già un caso.

A poche ore dalla presentazione ufficiale, infatti, il governo israeliano ha minacciato di togliere il suo finanziamento se non non sarà cambiata la definizione che qualifica come punto di partenza "West Jerusalem".

"Gerusalemme – hanno precisato in un comunicato congiunto i ministri Miri Regev (Sport e cultura) e Yariv Levin (Turismo) – è la capitale di Israele: non vi sono Est e Ovest".

"Gerusalemme è una città unita. Quelle pubblicazioni – aggiungono Regev e Levin, riferendosi alla definizione di "West Jerusalem" – sono una infrazione delle intese col governo israeliano. Se ciò non sarà cambiato, Israele non parteciperà all'evento". 

Secondo il quotidiano filo-governativo Israel ha-Yom, quei ministeri sono giunti alla conclusione che "si tratta di pressioni di elementi filo-palestinesi, che vorrebbero sottolineare che Gerusalemme est non fa parte di Israele".

"Il Giro in Israele potrebbe essere annullato", titola il giornale nel suo sito web.

ARTICOLI CORRELATI:

Froome al Tour, anche Fanini vuole lo sciopero
Froome al Tour, anche Fanini vuole lo sciopero
Hinault:
Hinault: "Froome al Tour? Scioperate"
In mostra i cimeli di Marco Pantani
In mostra i cimeli di Marco Pantani
Nibali svela i piani per il Tour
Nibali svela i piani per il Tour
Giro, ecco le figurine speciali
Giro, ecco le figurine speciali
Giro di Svizzera, terza tappa a Colbrelli
Giro di Svizzera, terza tappa a Colbrelli
 
Tawny Jordan
Aida Yespica
Arlenis Sosa
Ginevra Lambruschi
Allyson Joy
Chiara Biasi
Francesca Sofia Novello
Sofya Zhuk
Karolina Bojar
Celeste Bright
Devin Brugman
Jessica Cribbon