"Futuro drammatico per il ciclismo italiano"

Il team manager della Androni Giocattoli Sidermec Gianni Savio si è espresso negativamente sulla riforma del ciclismo.

gianni savio

Il team manager della Androni Giocattoli Sidermec Gianni Savio si è espresso negativamente sulla riforma del ciclismo voluta dall'UCI che entrerà in vigore dal 2019.

"Era stata presentata una proposta di riforma - spiega ai microfoni di Tuttobiciweb.it -, a mio avviso anche interessante perché riduceva il World Tour a 15 squadre, poi improvvisamente nell'assemblea in occasione dei Mondiali in Austria, è stata ratificata la scelta di rimanere a 18 formazioni. Il movimento ciclistico internazionale non consente 18 grandi squadre".

"Purtroppo per il movimento italiano si preannuncia un futuro drammatico. Io sono un ottimista di natura e continuerò a lottare, anche perché lottare mi mantiene giovane; mi piaceva il personaggio di Don Chisciotte, lo trovavo affascinante, ma personalmente non combatterò mai i mulini a vento. Se mi sarà consentito continuerò, in caso contrario accetterò probabilmente l'offerta di una Nazione straniera e per continuare a coltivare la mia “maledetta” passione per il ciclismo farò il commissario tecnico riuscendo ad andare a scoprire altri giovani talenti. Spero che ciò non accada a breve, ma solo quando “sarò grande”, il problema è che in questa riforma dove addirittura le wild card si riducono a due squadre, l'unica ancora di salvezza per il movimento ciclistico italiano è la Ciclismo Cup". 

"Sempre che tra Lega del Ciclismo Professionistico e RCS Sport sarà rinnovato l'accordo per le wild card al Giro d'Italia. Lo dico per esperienza personale in quanto la mia squadra Androni Giocattoli Sidermec per due anni è stata esclusa dalla corsa rosa, e allora io dissi che c'erano due soluzioni: o continuare se riuscivo a convincere i miei sponsor, oppure fare una grande festa di chiusura finale. Per fortuna sono riuscito a convincere gli sponsor perché mi sono presentato dicendo: ho un progetto giovani (e i fatti mi hanno dato ragione lanciano atleti come Ballerini, Masnada, Vendrame, Bernal che lo vedremo presto sul podio al Tour de France, Sosa e altri)". 

"Se alla domanda che mi fanno le aziende: fate il Giro d'Italia? - che è chiaramente la corsa più importante italiana -, non so rispondere, oppure lo faccio in modo tanto evasivo che è come se non rispondessi, In questo caso quale sponsor può operare una scelta per sponsorizzare la nostra società? E questo comporterebbe, purtroppo, la chiusura inevitabile del team. E attenzione: il movimento italiano ad oggi conta su 4 formazioni Professional, e se le wild card per il Giro sono solo 2, non è detto che debbano per forza essere assegnate ai team italiani. Quindi lo ripeto l'ancora di salvezza è la Ciclismo Cup".


ARTICOLI CORRELATI:

Ansia per Merckx: ricoverato dopo una caduta
Ansia per Merckx: ricoverato dopo una caduta
Nibali:
Nibali: "Il 2020 sarà un'altra cosa"
Nibali:
Nibali: "Ho finito la gara per il pubblico"
Vincenzo Nibali in agguato:
Vincenzo Nibali in agguato: "Le carte possono cambiare"
Nibali e i due volti di Di Luca
Nibali e i due volti di Di Luca
Milano-Torino, Woods batte Valverde
Milano-Torino, Woods batte Valverde
Pantani, la parola allo spacciatore
Pantani, la parola allo spacciatore
Morte Iannelli, il dolore di Cassani
Morte Iannelli, il dolore di Cassani
Ciclismo, morto il 22enne Giovanni Iannelli
Ciclismo, morto il 22enne Giovanni Iannelli
 
Grid Girls: Paula Gomez Ruiz e Irina Morales Urbano
Grid Girls: Alice Brivio
Grid Girls:  Camilla Bello' e Alessia Puccia
Grid Girls: Giulia Zanellato
Grid Girls: Lara Arluni e Neneh Riemeijer
Grid Girls: Jennifer Ciancio e Lucia Cossu
Grid Girls: Valeria Paniconi
Grid Girls: Giorgia Capaccioli
Claudia Nargi
Le foto più belle di Agustina Gandolfo
Il ritorno di Larissa Riquelme: le foto
Le foto più belle di Elina Svitolina