Fabio Aru racconta il suo dramma

"Non ero più io, ho i brividi a parlarne, ho sofferto come un cane".

fabio aru

Fabio Aru, che sarà operato all'arteria iliaca della gamba sinistra il prossimo weekend all'ospedale di Prato, in un'intervista alla Gazzetta dello Sport racconta il suo dramma. Il corridore sardo da tempo non era più lo stesso e non capiva perché: "Ci sono stati dei giorni in cui in bici ero morto. Devastato. Terribile, e ancora più terribile non capirne il motivo. Ora mi dispiace molto fermarmi, ma provo un senso di sollievo, perché so che dopo l’operazione potrò tornare a essere quello che sono davvero. Facevo tanta fatica, mi impegnavo di più ma le cose andavano sempre peggio". 

"Ero sempre senza forze, e già l’anno scorso si è visto. Ero limitato, scomposto. Si vedeva la fatica che facevo, e il massimo era un decimo posto. Non era la mia dimensione".

"Le sensazioni erano anche buone, magari. Come condizione di forma, mi sentivo bene. Ma nei finali ero vuoto. Dove non arrivavo con una gamba, caricavo di più con l’altra. Negli allenamenti, soprattutto a inizio stagione, lo sforzo è un quarto, un quinto, rispetto alla gara. Quel livello lo reggevo,o uno sforzo breve come una crono. Di più, no".

"Ho i brividi a raccontare come mi sentivo. Quando mi è stata data la diagnosi, mi è venuto da piangere. Solo pochissime persone, una di questa è la mia fidanzata Valentina che vive con me, sanno quanto ho sofferto. Nonostante una dedizione incredibile, il non poter raggiungere minimamente il mio livello era frustrante, sì. Non ero Fabio Aru".

"Ho sofferto come un cane, a vedermi così come sono stato negli ultimi tempi. Si poteva pensare che stessi male di testa, ma in realtà la testa è stata fortissima a sostenere tutte queste delusioni. Il miglior risultato è stato un quarto posto alla Tirreno­Adriatico del 2018... non era possibile. Mille domande, mille dubbi. Avevo un limitatore e vedevo gli altri sfrecciarmi davanti. Ho avuto tante paure. Non mi fossi impegnato, ma porca miseria, io faccio tutto al centodieci per cento. Dei giorni ero veramente ‘morto’, devastato".


ARTICOLI CORRELATI:

Giro, sì alla cronoscalata
Giro, sì alla cronoscalata "infernale" fino alla bocca dell'Etna
Nibali su Gimondi:
Nibali su Gimondi: "Prima di tutto un grande uomo"
Migliaia di persone ai funerali di Gimondi
Migliaia di persone ai funerali di Gimondi
Funerali Gimondi, Merckx distrutto:
Funerali Gimondi, Merckx distrutto: "Non ci sarò"
Felice Gimondi,
Felice Gimondi, "monumento a Bergamo"
Ufficiale, Dumoulin cambia squadra
Ufficiale, Dumoulin cambia squadra
Addio a Gimondi, lo strazio di Merckx
Addio a Gimondi, lo strazio di Merckx
Il ciclismo piange Felice Gimondi
Il ciclismo piange Felice Gimondi
Pozzovivo nuovamente operato: l'aggiornamento
Pozzovivo nuovamente operato: l'aggiornamento
 
Le foto più belle di Agustina Gandolfo
Il ritorno di Larissa Riquelme: le foto
Le foto più belle di Elina Svitolina
Le foto piu' belle di Camila Giorgi
Kinsey Wolansky, la star della finale di Champions League
Beatrice Bonfanti mantiene la promessa
L'altra Belén sfida la Rodriguez
Luciana Linck, juventina senza limiti
Ashley Vee ha un sogno a quattro ruote
Le più belle foto di Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman