Allegri mette in castigo Douglas Costa

Il tecnico bianconero medita di lasciar fuori il brasiliano dalla prima partita di Champions a Valencia.

La Juventus inizia l’avventura in Champions League, ma anche a Valencia si parla quasi solo di Douglas Costa e della sua follia. La conferenza stampa di Max Allegri si è infatti tenuta quasi in contemporanea con l’arrivo della notizia delle quattro giornate di squalifica che il Giudice Sportivo ha inflitto al brasiliano dopo lo sputo a Di Francesco del Sassuolo.

Il tecnico bianconero ha ribadito il proprio stupore per l’accaduto, non escludendo una possibile punizione ulteriore, magari proprio in Champions: “Domenica è successa una cosa che ha sorpreso tutti, anche Douglas che è un ragazzo tranquillo. Ha chiesto scusa, pagherà con le quattro giornate di squalifica e avrà la possibilità di dimostrare che si è trattato di un caso isolato. Domani valuterò se farlo giocare o portarlo in panchina, ma solo per motivi tecnici. Dispiace, perché non è stato un bell'esempio per tutti i bambini e per chi l'ha visto. Il primo a essere distrutto è stato lui. Diventa un mese e mezzo di sosta: noi abbiamo subito un danno a livello di squadra, lui ha subito uno shock perché è una cosa fuori dal suo comportamento che ha sempre mostrato sul campo. Di solito se gli passa accanto una mosca si scansa".

La prima formazione in Europa con Ronaldo è tutta da scrivere: "Se gioca Cancelo a destra davanti può giocare uno fra Cuadrado, Bernardeschi e Douglas Costa, valuterò” ha detto Allegri.
Sembra improbabile la conferma da titolare di Dybala, peraltro acciaccato: “Domani lasciar fuori qualcuno mi rimane difficile, ho molti dubbi. Giocheranno sicuramente Chiellini e Bonucci, poi ho Cuadrado, Cancelo e Alex Sandro di cui due su tre possono fare i terzini. A metà campo devo decidere se giocare a due o a tre, davanti deciderò se giocare con Mandzukic o Dybala".

“Abbiamo preso il migliore del mondo, negli ultimi anni abbiamo fatto bene in Europa, ma adesso abbiamo più possibilità di arrivare in fondo - ha concluso Allegri - Pensiamo però a fare una partita alla volta, se perdiamo domani il girone si mette in salita. Vincere a Valencia non sarà facile, contro una squadra difficile da affrontare e uno stadio che la sospinge”.

ARTICOLI CORRELATI:

Simeone, attacchi e insulti alla figlia neonata
Simeone, attacchi e insulti alla figlia neonata
Carlo Alvino si riaffaccia in Champions League
Carlo Alvino si riaffaccia in Champions League
Maurizio Pistocchi ironizza su alcuni colleghi
Maurizio Pistocchi ironizza su alcuni colleghi
La manita di CR7 fa infuriare l'Atletico
La manita di CR7 fa infuriare l'Atletico
Godin:
Godin: "Superati VAR e arbitro"
Morata cambia idea sull'esultanza
Morata cambia idea sull'esultanza
Allegri trova un motivo per sperare
Allegri trova un motivo per sperare
Bufera sull'esultanza, Simeone spiega
Bufera sull'esultanza, Simeone spiega
Pirlo, critica feroce ad Allegri
Pirlo, critica feroce ad Allegri
 
Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia
Fabiana Britto rossonera da urlo
Milca Gili: una 'diavoletta' perfetta
Le bellezze dell'EICMA 2018
Diletta Leotta
Lauren Summer
Georgina, la musa di Cristiano Ronaldo
Tawny Jordan
Aida Yespica