Petrachi benedice l'affare Ronaldo

Il ds del Torino fa il punto sul mercato dei granata e commenta il super acquisto dei cugini.

Il mercato del Torino si sta rivelando un diesel. Partenza lenta per il tempo perso con le trattative per Verissimo e Bruno Peres, poi l’accelerata e i primi acquisti. Tutti in difesa, per il momento, ma succederà altro. Il ds Petrachi ha fatto il punto dal ritiro di Bormio: “L’idea di Mazzarri è quella di cominciare la stagione con un organico di 21-22 giocatori più 4-5 ragazzi della Primavera. In difesa siamo a posto, peccato per Verissimo, ma sappiamo tutti come si è comportato il Santos, e peccato per Bruno Peres. Ci siamo già mossi tanto, spendendo 10 milioni per Izzo, 3,5 per il riscatto di N’Koulou e quasi 6 per Bremer, mentre Meité è stato valutato alla pari di Barreca. Il nostro mercato è diviso in tre fasi: la prima era mantenere l’ossatura della squadra che Mazzarri ha scoperto piano piano nei mesi scorsi, la seconda sarà sfoltire il gruppo, la terza cogliere le occasioni per rifinirlo/migliorarlo, se ci saranno".

Pure l’attacco è abbastanza fornito, ma ci si aspetta un colpo a effetto…: “Il mister ne vuole quattro più un giovane, ora abbiamo Belotti, Iago Falque, Niang e Ljajic. Belotti? Andrea ora non è al centro di tanti discorsi e quindi è più tranquillo e comunque lo scorso anno pur con tanti problemi il Gallo è andato in doppia cifra”Chi resta deve spendersi per il Toro. Offerte? Ora ci sono solo tante parole, l’arrivo di Cristiano Ronaldo stapperà un po’ la situazione”.

A proposito di Ronaldo, non poteva mancare un commento sull’affare dell’anno visto dai cugini: “È un giocatore di un appeal straordinario che innalza il livello del nostro campionato, adesso sarà più facile convincere altri giocatori a venire in Italia - il parere di Petrachi - Quanto al tema cittadino, sono davvero curioso di capire l’impatto. Il giocatore è straordinario, ma alla fine parlerà il campo. Nel calcio conta il gruppo, la squadra più dell'individuo. Guardate anche al mondiale che cosa è successo all’Argentina con Messi, il secondo giocatore più forte del mondo dopo CR7”.

ARTICOLI CORRELATI:

Zeman pronto a tornare in panchina
Zeman pronto a tornare in panchina
Il Lecce pesca tra gli svincolati
Il Lecce pesca tra gli svincolati
Torino, non solo Lazzari dalla Spal
Torino, non solo Lazzari dalla Spal
Simeone ha sfiorato la Danimarca
Simeone ha sfiorato la Danimarca
Milan, messaggio chiaro da Saint-Maximin
Milan, messaggio chiaro da Saint-Maximin
Allegri dribbla la domanda su Icardi
Allegri dribbla la domanda su Icardi
Nedved:
Nedved: "Dybala è un patrimonio"
Il Tottenham segue Suso
Il Tottenham segue Suso
Icardi, spuntano infortunio e indizio social
Icardi, spuntano infortunio e indizio social
 
Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia
Fabiana Britto rossonera da urlo
Milca Gili: una 'diavoletta' perfetta
Le bellezze dell'EICMA 2018
Diletta Leotta
Lauren Summer
Georgina, la musa di Cristiano Ronaldo
Tawny Jordan
Aida Yespica