Playout soppresso, il Foggia fa ricorso

La società rossonera pronta alla battaglia legale dopo la decisione della Lega di non far disputare lo spareggio per evitare la retrocessione contro la Salernitana. Duro attacco del sindaco.

foggia

Il caos in Serie B è sempre più assoluto. Al termine di una giornata sconvolgente con ben due scossoni, la retrocessione del Palermo, come recita la sentenza di primo grado del Tfn nel processo al club rosanero per presunte irregolarità amministrative, e la decisione della Lega di annullare il playout decretando la retrocessione immediata del Foggia senza far disputare il playout con la Salernitana, ecco il contropiede dello stesso club rossonero, che ha annunciato il ricorso contro il provvedimento della Lega.

Questo il comunicato della società: "La società Foggia Calcio, preso atto dell’odierna decisione del consiglio direttivo della Lega Nazionale Professionisti di Serie B, sta valutando con i propri legali le iniziative più opportune a tutela degli interessi del Foggia Calcio e dei suoi tifosi".

A prendere la parola è stato anche il sindaco Franco Landella, attraverso una dura nota ufficiale nella quale vengono chieste le dimissioni del presidente di Lega Balata:  "È difficile trovare le parole per commentare la decisione assunta oggi dal Consiglio direttivo della Lega Nazionale Professionisti Serie B. È difficile perché si tratta di una decisione assurda e scandalosa, che trasforma in carta straccia le regole, piegandole a necessità che sarebbe il caso fossero chiarite. Modificare le regole a torneo terminato è di una gravità inaudita e senza precedenti, che dimostra una gestione quasi dispotica. Sulla base di quali motivazioni si è deciso di annullare i play out? Sulla base di quali ragioni si è stabilito che di colpo il regolamento non vale più nulla? Sulla base di quali esigenze una decisione così clamorosa ed inedita è stata assunta in poche ore? Come sindaco della città di Foggia sono letteralmente indignato per un comportamento che calpesta i tifosi, la società ed una comunità sportiva che in questo campionato è stata tra le più importanti, anche in termini economici, per la Serie B. Nessuno ha mai chiesto favoritismi. Anzi, il Foggia Calcio, com’è noto, in questa stagione è stato penalizzato in modo oltremodo severo. Ma non è assolutamente tollerabile il comportamento adottato dalla Lega. Non lo è eticamente, sportivamente e sul piano del rispetto delle regole, che non sono una specie di fastidio di cui, all’occorrenza, si può fare tranquillamente a meno.   La città di Foggia esige che questo vero e proprio ribaltamento del diritto e delle regole sia corretto rapidamente. E che gli organismi competenti facciano luce su una vicenda che appare estremamente fosca ed opaca e sugli eventuali interessi che si celano alle sue spalle. Forse, dopo uno spettacolo come quello a cui abbiamo purtroppo assistito, le dimissioni del presidente della Lega di Serie B sarebbero un atto opportuno e doveroso".


ARTICOLI CORRELATI:

Zielinski:
Zielinski: "Napoli da scudetto, James fantastico"
Mihajlovic ringrazia tutti con una lettera aperta
Mihajlovic ringrazia tutti con una lettera aperta
Coppa d'Africa, Koulibaly orgoglioso ma triste
Coppa d'Africa, Koulibaly orgoglioso ma triste
Coppa d'Africa, Algeria e Senegal in finale
Coppa d'Africa, Algeria e Senegal in finale
De Vrij:
De Vrij: "Icardi e Nainggolan? Guardiamo avanti"
L'Inter di Antonio Conte parte con una vittoria
L'Inter di Antonio Conte parte con una vittoria
Torino, 15 reti al Merano
Torino, 15 reti al Merano
Inter, anche Nainggolan lascia il ritiro
Inter, anche Nainggolan lascia il ritiro
Callejon:
Callejon: "Faremo grandi cose"
 
Le foto più belle di Agustina Gandolfo
Il ritorno di Larissa Riquelme: le foto
Le foto più belle di Elina Svitolina
Le foto piu' belle di Camila Giorgi
Kinsey Wolansky, la star della finale di Champions League
Beatrice Bonfanti mantiene la promessa
L'altra Belén sfida la Rodriguez
Luciana, juventina senza limiti
Ashley Vee ha un sogno a quattro ruote
Le più belle foto di Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman