Ora Jerry Mbakogu sogna l'azzurro

L'attaccante del Carpi, nigeriano di nascita, è diventato cittadino italiano.

Mbakogu

La stagione di Jerry Mbakogu e del Carpi si avvia a concludersi all’insegna dell’anonimato. Un’anomalia per una squadra reduce da tre annate movimentate, tra promozione in A, retrocessione immediata e finale playoff persa nel 2017 contro il Frosinone.

L’attaccante nigeriano è stato condizionato quest'anno da numerosi infortuni, ma ora è pronto a rientrare per le ultime giornate di campionato. Intanto per l’ex Palermo ecco una gradita novità: la cittadinanza italiana.

Mbakogu ha infatti ottenuto il prezioso attestato presso il municipio di Salzano, in provincia di Venezia, grazie alle proprie origini, essendo figlio di emigranti che si sono trasferiti a Scorzè, proprio nel veneziano. E adesso a Jerry, in Italia dall'età di 10 anni, non resta che sperare nel ritorno in A, magari con il Carpi, e nella maglia azzurra.
 

ARTICOLI CORRELATI:

Mondiale femminile, il programma degli ottavi
Mondiale femminile, il programma degli ottavi
Stati Uniti in volo, Cile eliminato
Stati Uniti in volo, Cile eliminato
Italia, ecco l'avversaria negli ottavi di finale
Italia, ecco l'avversaria negli ottavi di finale
L'Olanda è un rullo compressore
L'Olanda è un rullo compressore
Il Benevento punta un Under 21
Il Benevento punta un Under 21
Mondiale femminile: italiane a riposo e in attesa
Mondiale femminile: italiane a riposo e in attesa
Le 'Ragazze Mondiali' fanno gol anche sui social
Le 'Ragazze Mondiali' fanno gol anche sui social
Sarri:
Sarri: "La Juventus è il coronamento di una carriera"
L'Argentina e Messi deludono ancora
L'Argentina e Messi deludono ancora
 
Le foto piu' belle di Camila Giorgi
Kinsey Wolansky, la star della finale di Champions League
Beatrice Bonfanti mantiene la promessa
L'altra Belén sfida la Rodriguez
Luciana, juventina senza limiti
Ashley Vee ha un sogno a quattro ruote
Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia
Fabiana Britto rossonera da urlo
Milca Gili: una 'diavoletta' perfetta