Novara: tocca a Mimmo Di Carlo

E' l'ex timoniere di Sampdoria, Parma e Vicenza il nuovo allenatore dei piemontesi al posto dell'esonerato Corini.

Mimmo Di Carlo ricomincia dalla panchina del Novara. E' lui il nuovo allenatore dei piemontesi: è stato chiamato al posto dell'esonerato Eugenio Corini. Contratto fino a giugno 2019 e nel pomeriggio primo allenamento a guida della squadra. Nato a Cassino (Frosinone) il 23 marzo 1964 si diceva che fosse già allenatore in campo, soprattutto quando a centrocampo indossava le maglie di Palermo e Vicenza. Con rosanero e biancorossi ha trascorso la maggior parte della sua carriera da giocatore. Da allenatore si piazzò primo nella graduatoria di fine corso a Coverciano con una tesi sul movimento senza palla degli attaccanti e sui calci piazzati. Di Carlo si è fatto le ossa nel settore giovanile del Vicenza e a Mantova, riportata in B dopo 32 anni. Con i lombardi sfiora anche la promozione in A e, nell'estate 2007, approda nel Parma nella massima serie: qui conosce la durezza del mestiere e la sconfitta casalinga contro la Sampdoria del 9 marzo 2008 gli costa l'esonero. Il 4 novembre 2008 sostituisce Giuseppe Iachini sulla panchina del Chievo con cui nasce un sodalizio felice. Il 26 maggio c'è la separazione: per Di Carlo si aprono le porte della Champions League poiché firma un biennale con la Samp, prendendo il posto di Del Neri. Non è una stagione fortunata: ai preliminari la Samp viene eliminata all'ultimo istante dal Werder Brema e in campionato le cose non vanno. Di Carlo viene cacciato a marzo dopo la sconfitta interna contro il Cesena. Il 9 giugno 2011 torna nella sua isola felice al Chievo e termina la stagione con 49 punti e il decimo posto in classifica, il 16 maggio 2012 rinnova il contratto per un ulteriore campionato. Il 2 ottobre, a seguito di cinque sconfitte consecutive, viene sollevato dall'incarico di allenatore del Chievo. A gennaio del 2014 diventa allenatore del Livorno ma ad aprile, dopo la sconfitta 3-0 col Milan, è nuovamente esonerato.

L'8 dicembre 2014 è ingaggiato dal Cesena sostituendo l'esonerato Pierpaolo Bisoli, ma non riesce a salvare la squadra dalla retrocessione in serie B ed a giugno, a fine torneo, viene esonerato. A novembre del 2015 diventa allenatore dello Spezia al posto dell'esonerato Nenad Bjelica. Porta gli aquilotti fino ai quarti di Coppa Italia venendo eliminato dall'Alessandria mentre in campionato arriva settimo e perde la semifinale play-off contro il Trapani. L'anno seguente arriva ottavo perdendo poi il preliminare dei play-off contro il Benevento. A fine torneo viene sostituito da Fabio Gallo. Da oggi inizia la sua nuova avventura sulla panchina della squadra piemontese.


ARTICOLI CORRELATI:

Milan, Elliott parla del nuovo stadio
Milan, Elliott parla del nuovo stadio
Il Cosenza fa lo scherzo al Cittadella
Il Cosenza fa lo scherzo al Cittadella
Dalbert non ha rimpianti
Dalbert non ha rimpianti
A Bari non vogliono illudersi
A Bari non vogliono illudersi
Caos Bulgaria, si dimette anche il ct
Caos Bulgaria, si dimette anche il ct
Bologna, De Leo esalta Mihajlovic
Bologna, De Leo esalta Mihajlovic
Gilardino:
Gilardino: "Con Chiesa e Ribery mi sarei divertito..."
Bertolacci attacca il Milan
Bertolacci attacca il Milan
Inter, si fa male di nuovo Sensi
Inter, si fa male di nuovo Sensi
 
Grid Girls: Paula Gomez Ruiz e Irina Morales Urbano
Grid Girls: Alice Brivio
Grid Girls:  Camilla Bello' e Alessia Puccia
Grid Girls: Giulia Zanellato
Grid Girls: Lara Arluni e Neneh Riemeijer
Grid Girls: Jennifer Ciancio e Lucia Cossu
Grid Girls: Valeria Paniconi
Grid Girls: Giorgia Capaccioli
Claudia Nargi
Le foto più belle di Agustina Gandolfo
Il ritorno di Larissa Riquelme: le foto
Le foto più belle di Elina Svitolina