Maran esalta i suoi: "Siamo dei pazzi"

Il tecnico del Cagliari: "Barella può crescere ancora e non ha finito qui".

Dopo la vittoria del Cagliari contro la Fiorentina, l’allenatore dei sardi Rolando Maran ha dichiarato a Sky Sport: “Prendiamoci questa bella vittoria, meritata, non è facile vincere così contro la Fiorentina”.

Sui tanti punti fatti in casa: “Siamo dei pazzi! Nel senso benevolo del termine. Ma spesso quello che facciamo in casa rischiamo di rovinarlo. Giocare in trasferta sta diventando una fobia purtroppo, dobbiamo costruire le prestazioni attraverso questo tipo di atteggiamento”.

Sulla prestazione di Barella e Joao Pedro: “Nicolò ha convissuto con un po’ di dolore per tutta la partita. Ha questa capacità di essere sempre nel vivo del gioco e può crescere ancora tanto. Qua non ha finito. A Joao Pedro faccio sempre i complimenti per come gioca per la squadra. In conferenza stampa avevo puntato su di lui come marcatore. Non è lui che deve ringraziare me, ma il contrario”.

ARTICOLI CORRELATI:

Cessione Samp, fumata nera
Cessione Samp, fumata nera
Casillas, ancora dramma: Sara Carbonero ha un tumore
Casillas, ancora dramma: Sara Carbonero ha un tumore
Da Chiellini una rivelazione su Allegri
Da Chiellini una rivelazione su Allegri
Conte batte il Chelsea in tribunale
Conte batte il Chelsea in tribunale
Il Cittadella si suicida, sorriso Benevento
Il Cittadella si suicida, sorriso Benevento
Roma, il fondo del Qatar fa sul serio
Roma, il fondo del Qatar fa sul serio
Divorzio Juve-Allegri, un grande ex non è sorpreso
Divorzio Juve-Allegri, un grande ex non è sorpreso
Parma, Carra annuncia novità
Parma, Carra annuncia novità
Rolando Maran non è ancora appagato
Rolando Maran non è ancora appagato
 
Beatrice Bonfanti mantiene la promessa
L'altra Belén sfida la Rodriguez
Luciana, juventina senza limiti
Ashley Vee ha un sogno a quattro ruote
Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman
Victoria Lopyreva, la Musa della Russia
Fabiana Britto rossonera da urlo
Milca Gili: una 'diavoletta' perfetta
Le bellezze dell'EICMA 2018
Diletta Leotta