Mancini studia una mini-rivoluzione

"Abbiamo il nostro gioco e dobbiamo essere aggressivi" ha dichiarato in conferenza stampa il commissario tecnico della Nazionale.

Roberto Mancini, commissario tecnico dell’Italia, è intervenuto in conferenza stampa nel giorno di vigilia della sfida contro il Liechtenstein.

Sulla formazione: “Vanno valutate le condizioni fisiche di qualche ragazzo ma sicuramente cambierò 3-4 calciatori o magari qualcuno in più. L’atteggiamento dovrà essere sempre lo stesso a prescindere dall’avversario”.

“Una squadra ha una vera identità quando riesce ad affrontare ogni partita con la stessa concentrazione. Abbiamo già il nostro gioco che ci accompagnerà da qui all’Europeo. Dovremo essere più aggressivi rispetto alla gara contro la Finlandia. Volevamo riportare entusiasmo e potevamo farlo - ha concluso il ct azzurro - solo grazie alla qualità del gioco. Dobbiamo lavorare tanto per migliorare e fare affezionare tante persone alla Nazionale”.


ARTICOLI CORRELATI:

Coppitelli sceglie l'Imolese
Coppitelli sceglie l'Imolese
Mihajlovic sfida il male: in ospedale in anticipo
Mihajlovic sfida il male: in ospedale in anticipo
Ramsey:
Ramsey: "E' un sogno e una grande sfida"
Cigarini:
Cigarini: "Per fortuna sono ancora qui"
Sensi:
Sensi: "Conte vuole educazione e rispetto"
Zielinski:
Zielinski: "Napoli da scudetto, James fantastico"
Mihajlovic ringrazia tutti con una lettera aperta
Mihajlovic ringrazia tutti con una lettera aperta
Coppa d'Africa, Koulibaly orgoglioso ma triste
Coppa d'Africa, Koulibaly orgoglioso ma triste
Coppa d'Africa, Algeria e Senegal in finale
Coppa d'Africa, Algeria e Senegal in finale
 
Le foto più belle di Agustina Gandolfo
Il ritorno di Larissa Riquelme: le foto
Le foto più belle di Elina Svitolina
Le foto piu' belle di Camila Giorgi
Kinsey Wolansky, la star della finale di Champions League
Beatrice Bonfanti mantiene la promessa
L'altra Belén sfida la Rodriguez
Luciana, juventina senza limiti
Ashley Vee ha un sogno a quattro ruote
Le più belle foto di Jolanda De Rienzo
Samuela Grillo
Maria Liman